Pubblicita'

Carattere

Nell’ultimo fine settimana salvate oltre 8300 persone in 55 diverse operazioni nel Mediterraneo. È lo sbarco più importante di sempre nello scalo portuale cittadino. A bordo numerose donne in gravidanza e minori non accompagnati

La nave "Asso 29" carica di migranti diretti a Vibo Marina
Cronaca

Sbarchi record nel weekend pasquale, complice il bel tempo e il mare calmo: da venerdì a domenica sono stati salvati 8.300 migranti in 55 diverse operazioni, condotte da navi militari o da Ong. Il bilancio è stato fornito da Carlotta Sami, portavoce dell'Unhcr. Diverse le donne incinte soccorse, molte delle quali vittime di violenze, e sette i migranti trovati morti, tra cui proprio una donna in gravidanza.

Solo venerdì sono stati 2.074 i migranti soccorsi e salvati nelle acque del Mediterraneo. Sabato poi altri 515 sono sbarcati a Pozzallo, con diverse donne incinte e un cadavere. Fra loro anche quattro scafisti, due senegalesi e due nigeriani, che sono stati arrestati dalla Polizia grazie alle testimonianze raccolte.

Nella giornata di Pasqua si sono registrati tra gli altri due sbarchi in provincia di Reggio Calabria: una nave di Medici senza frontiere con a bordo 649 migranti (tra loro 63 donne e 4 bambini piccoli e un osservatore d'eccezione, il giornalista e scrittore Erri De Luca), e la nave Aquarius, sempre di Msf, che ha soccorso altre 5 imbarcazioni per un totale di 1.163 migranti.

Nelle prime ore di Pasquetta ha attraccato a Catania la nave tedesca Rhein, con a bordo altri 1.100 migranti, e poco dopo sono giunte a Porto Empedocle altre 451 persone soccorse in diverse operazioni dalla nave “Chimera” della Marina Militare. A seguire l'arrivo a Messina della nave militare Phanter con 1.267 migranti raccolti in varie operazioni nella giornata di Pasqua.

Nella giornata di domani, martedì 18 aprile, la nuova ondata di sbarchi toccherà anche Vibo Marina dove, intorno alle ore 8, è atteso l’approdo della nave "Asso 29" con a bordo circa 1800 migranti. Tra di loro molte le donne in gravidanza e i minori non accompagnati. La Prefettura di Vibo Valentia ha, allo scopo, avviato la macchina della prima accoglienza che prevede, come di consueto, un massiccio dispiegamento di personale delle forze dell’ordine, Croce rossa, Protezione civile e associazioni di volontariato. Le operazioni di sbarco dei migranti dovrebbero iniziare intorno alle ore 10.

È il più consistente sbarco mai avvenuto da quando il porto vibonese è stato incluso tra gli scali di prima accoglienza per i migranti.

Seguici su Facebook