Pubblicita'

Carattere

Un lettore denuncia i rischi quotidiani per chi si trova a percorrere una delle principali arterie del Vibonese, strategica anche sul piano turistico per raggiungere Tropea e la costa. E sono in molti a dargli ragione

Le disastrose condizioni della Sp 17 sul Poro
Cronaca

«Condivido questa foto per manifestare tutta la mia delusione in merito allo stato delle strade in provincia di Vibo oltre che per segnalare una condizione di estremo pericolo. Nello specifico quello in foto è un tratto del lungo rettilineo della Sp 17 compreso fra Mesiano e Caria».

A scriverci è un nostro lettore, Antonio Pontoriero. Lo fa focalizzando l’attenzione, con un’immagine molto eloquente, sulle condizioni di una delle principali arterie della viabilità provinciale vibonese. Una strada, quella che attraversa l’altopiano del Poro, strategica sotto molti punti di vista, come rileva anche il nostro lettore.

Si perché quella strada, spiega Pontoriero, è un «tratto a percorrenza molto veloce e molto trafficato visto che l'arteria in questione conduce nella rinomata cittadina turistica di Tropea. Si tratta di interventi di poco conto, che potrebbero davvero evitare il verificarsi di incidenti di estrema gravità! Spero condividerete al fine di sensibilizzare chi di dovere!».

Facciamo naturalmente nostro l’appello del lettore che arriva su una problematica che interessa in maniera diffusa tutta la Provincia e che fa gravare i suoi effetti nefasti sulla vita quotidiana di migliaia di cittadini, automobilisti e motociclisti, che, non è esagerato affermare, mettono a repentaglio la loro stessa vita oltre che, ovviamente, l’efficienza dei propri veicoli sottoposti a continue violente sollecitazioni a causa di buche e voragini.

Una questione estremamente sentita come del resto testimoniano i molti commenti di condivisione dell’appello di Pontoriero pervenuti sulla nostra pagina Facebook.

Un autentico coro di sdegno che va dall’affermazione «è una strada che praticamente distrugge le auto e rischia di provocare incidenti pericolosi... e poi magari si assiste alla riasfaltatura di tratti che praticamente sono senza una buca... Mah... misteri...» (Enzo Melluso), ad uno sdegnato «perché non si denunciano questi delinquenti, carta bollata con nomi e cognomi. Ovviamente i soldi non ci sono, quelli che sono disponibili sanno già a chi li devono dare, hanno ridotto la provincia di Vibo a un cumulo di macerie... Ogni qualvolta arrivo allo svincolo autostradale di Sant'Onofrio, mi sembra di arrivare in Ruanda, rovi, spazzatura e sporcizia di ogni genere, come la spazzatura che ci ha amministrato per tanti anni...» (Aldo Giovanni Pungitore) fino ad un sarcastico: «purtroppo su queste strade non passerà il Giro d'Italia era la nostra unica speranza... sulle strade dove passerà stanno asfaltando a manetta per fare bella figura. Vergogna assoluta!» (Francesco Pugliese).

Un coro al quale si aggiunge un altro lettore, Giorgio Giussani, che sempre sulla pagina del Vibonese posta il video delle disastrose condizioni della strada provinciale tra Potenzoni e San Cono: