Pubblicita'

Carattere

Potere dei social network: il consigliere comunale Giovanni Russo posta su Facebook le immagini del degrado nel giardino cittadino e dopo poche ore l’assessore Scuticchio “risponde” con una foto dell’avvenuto intervento

L'ingresso di Villa Gagliardi invaso da rifiuti
Cronaca

Un’altra micro discarica a cielo aperto. Questa volta in uno dei luoghi simbolo di Vibo Valentia: Villa Gagliardi, solo recentemente riaperta al pubblico. Il degrado riguarda uno degli accessi all’antica villa, in largo Conservatorio, nei pressi dell’ex istituto Alberghiero.

Le gradinate poste all’esterno sono ricoperte dalle sterpaglie. Ma a destare sdegno è l’interno di un portico dove si è formato un cumulo di rifiuti di ogni genere. Buste, giornali, vecchie scarpe, cerchioni di auto e persino una griglia per la raccolta delle acque. Neppure le pareti sono state risparmiate.

Le foto del degrado sono state postate su Facebook dal capogruppo del Pd in consiglio comunale Giovanni Russo che scrive con una vena di ironia “La città che vorrei… Basta fare una passeggiata fuori dal corso principale ed ecco cosa si trova in giro per la nostra città. Periferie e frazioni abbandonate”. In pochi minuti il post registra numerosi commenti di cittadini che puntano il dito contro l’amministrazione comunale.

Amministrazione che questa volta recepisce il messaggio e, nel giro di poche ore dalla segnalazione, si attiva attraverso la ditta preposta, la Dusty, ripulendo l’area dalla spazzatura. A segnalarlo è, sempre tramite Facebook, l’assessore all’Ambiente Antonio Scuticchio che risponde a Russo con una foto dello stesso luogo, ringraziando il consigliere per la segnalazione e aggiungendo: “La città che vorremmo è esattamente questa”. D’altra parte l’interno del polmone verde, riaperto dopo un lungo periodo di stop, risultava pulito e ordinato come ci conferma un visitatore.

Altro discorso la presenza di sterpaglie lungo i vialetti esterni per i quali bisognerà attendere ancora. “Continuerò a segnalare - promette quindi Russo - auspicando che si intervenga con la stessa celerità”.

Le situazioni d’incuria d’altra parte non mancano. Criticità si registrano infatti in altri luoghi della città, da viale Accademie vibonesi i cui marciapiedi sono stati cancellati dalle sterpaglie, all’ingresso di una scuola materna. Pochi giorni fa avevamo documentato un’altra situazione d’incuria. Una microdiscarica in zona “Ottocanali”. Un’area demaniale mai utilizzata e lasciata in stato di completo abbandono. “Non possiamo più vivere in queste condizioni bisogna fare qualcosa” si legge in uno dei tanti post.

Seguici su Facebook