Pubblicita'

Carattere

Ignoti balordi hanno devastato l’edicola del Santo e profanato il tabernacolo sottraendo alcuni oggetti di valore. Indagano i carabinieri. Non si esclude la pista satanica

Cronaca

Ignoti hanno profanato il santuario di San Francesco di Paola a Nicotera. Nella notte balordi non identificati si sono introdotti nel luogo di culto, recentemente sottoposto a lavori di restauro, dalla sacrestia. Quindi si sono portati poi sull’altare.

Qui hanno rotto la vetrata dell’edicola contenente la statua di San Francesco e devastato vari oggetti sacri, gettati poi all’interno della navata. Un grave gesto di sfregio e dissacrazione.

A far pensare che si sia trattato di qualcosa di più di un semplice furto, il fatto che è stato profanato anche il tabernacolo, con le ostie buttate a terra e calpestate, mentre una chiave di valore e la scritta “Agentea Charitas” appesa al petto del Santo, entrambe in oro, sono state trafugate.

Indagini in corso da parte dei carabinieri della locale Stazione. Due sarebbero le ipotesi al vaglio degli inquirenti: la bravata di qualche perditempo oppure l’azione pianificata da qualche una potenziale setta satanica. In ogni caso un episodio dai contorni inquietanti.