Pubblicita'

Carattere

L’imprenditore è accusato di aver versato una tangente da 230 mila euro all’allora assessore regionale al Lavoro Nazzareno Salerno

Cronaca

Il gip del Tribunale di Catanzaro, Barbara Saccà, ha concesso gli arresti domiciliari ad Ortensio Marano, 43 anni, di Belmonte Calabro, amministratore delegato della società finanziaria Cooperfin spa con sede a Belmonte Calabro e Milano. Si tratta di uno dei principali indagati dell’inchiesta “Robin Hood” della Dda di Catanzaro. E’ accusato, in concorso con l’ex assessore regionale al Lavoro Nazzareno Salerno, di essersi appropriato dei fondi del Credito sociale. I reati ipotizzati nei suoi confronti sono quelli di turbativa d’asta, peculato e corruzione.

Nazzareno Salerno da ex assessore regionale al Lavoro avrebbe favorito Marano ed una sua società nella gestione dei fondi del Credito sociale in cambio del versamento di denaro a titolo di tangenti, ovvero oltre 230 mila euro.

Operazione “Robin Hood”: Nazzareno Salerno passa ai domiciliari

“Robin Hood”, Nazzareno Salerno sospeso dal Consiglio regionale

Operazione “Robin Hood”: sequestrate le somme indebitamente percepite

 Il cognato di Luigi Mancuso assunto a Calabria Etica da ultimo della short list

“Robin Hood”, assunzioni dei vibonesi Spasari e Zinnato: sei nuovi indagati

“Robin hood”: le relazioni “pericolose” del “faccendiere” Vincenzo Spasari con politici e uomini del clan Mancuso

Inchiesta “Robin hood”: c’è un nuovo filone investigativo sul Credito sociale

In evidenza

Seguici su Facebook