Pubblicita'

Carattere

Il delitto il 12 agosto dello scorso anno a colpi di coltello. Il processo si sta svolgendo in abbreviato a Vibo. L’imputato dopo il fatto di sangue si è vantato su facebook

Cronaca

Il pm della Procura di Vibo Valentia, Benedetta Callea, ha chiesto 30 anni di reclusione nei confronti di Alex Orfei, di 32 anni, titolare di un circo, accusato dell’omicidio di Werner De Bianchi, di 36 anni, anche lui titolare di un’attività circense, avvenuto il 12 agosto dello scorso anno nel parcheggio di un supermercato a Santa Domenica di Ricadi in località “Gesuini”. Il processo si sta svolgendo dinanzi al gup del Tribunale di Vibo Valentia, Gabriella Lupoli, con il rito abbreviato che comporta uno sconto di pena pari ad un terzo in caso di condanna.

Werner De Bianchi è stato ucciso con una coltellata all’addome. Movente dell’omicidio, secondo l’accusa, alcune questioni di carattere economico. Trasportato all’ospedale di Tropea e poi a quello di Vibo Valentia, De Bianchi è stato sottoposto ad intervento chirurgico d’urgenza ma è poi morto durante la notte. 

Dopo aver accoltellato il circense, Alex Orfei ha poi scritto un post sul proprio profilo facebook pubblico vantandosi per il suo gesto. “E uno saccagnato…e ora tocca all’altro”. Questa la frase shock che è comparsa sul profilo di Alex Orfei e che lascia presupporre che il proprietario del circo avesse intenzione di accoltellare una seconda persona. Orfei è stato arrestato nel corso della stessa notte dalla polizia a Santa Domenica di Ricadi dove il suo circo era arrivato da due giorni.

Seguici su Facebook