Pubblicita'

Carattere

L’incompiuta “Strada del Mare” continua a lasciare macerie. Sul posto i vigili del fuoco al fine di mettere in sicurezza la strada

Cronaca

Pericoli sulla “Strada del Mare” fra Coccorino e Joppolo. Ciò che in molti temevano si è purtroppo verificato. Era infatti solo questione di tempo e parte del costone è venuto giù con enormi massi caduti sulla sede stradale. Per fortuna nel momento del crollo non transitava nessuna automobile, altrimenti la tragedia sarebbe stata sicura. Anni di incuria, di mancati lavori e di una Provincia che non è riuscita negli anni non solo a realizzare quanto progettato con la “Strada del Mare” ma neppure a mettere in sicurezza il costone hanno portato oggi a quanto ben visibile dalle foto e dal video.

Sul posto per mettere in sicurezza la zona si sono portati i vigili del fuoco. La strada è stata chiusa, ma resta la gravità di un problema più volte segnalato dai cittadini e dai passanti. Per la Strada del Mare sono stati spesi miliardi di lire e proprio a Coccorino è stata sventrata una parte consistente della parete del costone per realizzare una galleria che non ha mai visto la luce. Anzi, l’originario uso della dinamite per “scavare” la galleria ha prodotto solo macerie.

Gli incendi del costone (anche dei mesi scorsi) hanno ulteriormente aggravato la situazione, mentre i muri di contenimento realizzati dalla Provincia di Vibo si sono presto “sbriciolati” poiché realizzati - evidentemente - con materiale inadeguato, come peraltro emerso pure dalle perizie disposte dalla Procura nell’ambito dell’inchiesta sulla “Strada del mare”.

Un disastro, insomma, con precise responsabilità politiche e burocratiche di quanti negli anni hanno amministrato la Provincia con risultati che mettono persino a rischio la vita dei cittadini e degli automobilisti.

Ecco il video inviatoci da Antonio Piserà

Seguici su Facebook