Pubblicita'

Carattere

COLLEGAMENTI e trasporti. Ambiti nei quali la regione e il Vibonese presentano gravi carenze in grado di condizionare anche i flussi turistici.

Politica

Vi sono, tuttavia, buone pratiche che anche la politica ritiene vadano sostenute e incentivate. Ad esempio la convenzione, sperimentata a partire dalla passata stagione estiva, tra il Consorzio di gestione turistica (Cogetur), società operante nell’area di Capo Vaticano, e Trenitalia. Convenzione, finalizzata a promuovere il trasferimento dell’utenza turistica su rotaie, che ha dato i suoi buoni frutti, tanto che già si pensa di replicarla il prossimo anno. Sull’iniziativa, evidentemente finalizzata ad incrementare le presenze turistiche sulla costa vibonese, ha posto l’attenzione anche il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Mangialavori, il quale ha annunciato di aver depositato una mozione indirizzata al presidente della Regione, Mario Oliverio, e alla sua giunta, affinché i massimi organismi regionali intraprendano «un’appropriata iniziativa istituzionale, coinvolgendo il ministero dei Trasporti, perché si possano prevedere una o più fermate dei treni a lunga percorrenza presso la stazione di Tropea». Ciò, a parere del consigliere regionale di Forza Italia, «costituirebbe un indubbio vantaggio capace di amplificare i benefici effetti della “stipulanda” convenzione». A tale iniziativa se ne affianca un’altra, intrapresa, sempre nel settore trasporti, dalla deputazione calabrese di Forza Italia alla Camera. La stessa, informa sempre Mangialavori, «ha predisposto un’articolata mozione sui tanti deficit di trasporto (aereo, stradale e ferroviario) che interessano la Calabria; primo firmatario, l’onorevole Roberto Occhiuto. La mozione, firmata anche dai deputati Galati e Santelli, prende le mosse dalla carenza delle reti infrastrutturali dei trasporti calabresi che riveste, ormai, da diverso tempo, caratteri emergenziali e di precarietà provocando notevoli disagi sia ai residenti sia ai turisti, nonché a tutti coloro che si trovano a transitare nella regione». Nel dettaglio, il consigliere regionale, espone «i vari punti della mozione parlamentare: l’accelerazione dei lavori che interessano l’A3, la statale 18 e la statale 106; il potenziamento della linea ferroviaria in linea con quanto chiesto nella mozione a mia firma; il rafforzamento di quello aereo; interventi mirati e appropriati volti a garantire collegamenti interni ed esterni funzionali allo sviluppo e alla crescita della Calabria».

In evidenza

Seguici su Facebook