Mangialavori senatore, 17 amministratori comunali di Vibo plaudono alla sua elezione

In un documento unitario, 5 assessori e 12 consiglieri di maggioranza ne lodano le capacità umane e politiche: «E’ una nuova alba per la città e per chi vorrà mettere in piedi insieme a lui una nuova strategia di crescita» 

In un documento unitario, 5 assessori e 12 consiglieri di maggioranza ne lodano le capacità umane e politiche: «E’ una nuova alba per la città e per chi vorrà mettere in piedi insieme a lui una nuova strategia di crescita» 

Informazione pubblicitaria
Giuseppe Mangialavori
Informazione pubblicitaria

«L’elezione di Giuseppe Mangialavori, vice coordinatore regionale di Forza Italia, rappresenta una grande e concreta speranza per l’immediato futuro non soltanto per il territorio vibonese ma per tutta la Calabria. Il dato di Vibo Valentia è abbastanza eloquente e non lascia adito a dubbi di sorta: il candidato di Forza Italia porta a casa, trionfalmente, il 40% al Senato ed il 25% alla Camera, quasi a dimostrare quanto fosse fortemente motivata la scelta elettorale dei vibonesi in un momento storico importante e di estrema delicatezza per le sorti future del territorio; il dato alla Camera, inoltre, ha consentito alla candidata Wanda Ferro, a cui va il nostro più affettuoso augurio, di essere eletta in questo collegio e siamo convinti che saprà restituire al territorio vibonese l’impegno che lo stesso ha dimostrato nei suoi confronti».

Informazione pubblicitaria

Esprime soddisfazione il nutrito gruppo di consiglieri comunali di Vibo Valentia che si riconosce nella figura politica del neo eletto senatore vibonese Giuseppe Mangialavori, all’indomani dell’esito della competizione elettorale per il rinnovo delle due camere del Parlamento.

Gli assessori comunali Katia Franzè, Silvia Riga, Lorenzo Lombardo, Raffaele Manduca e Francesco Pascale, nonché i consiglieri di maggioranza Raffaele Arcella, Giusy Colloca, Rossana Falduto, Sabatino Falduto, Maria Rosaria La Grotta, Filippo Lo Schiavo, Giuseppe Muratore, Gregorio Polistina, Claudia Sarlo, Antonio Schiavello, Ivan Servelli e Francescantonio Tedesco parlano apertamente di un «successo di chi ha indicato e sostenuto a ragion veduta la sua candidatura, di chi ha espresso la sua più piena fiducia e ribadito il suo credito più forte e convinto, su un nome che ha conosciuto il più straordinario dei consensi elettorali, coronando la fatica con numeri esaltanti e che danno l’idea del perché l’ingresso a Palazzo Madama di Giuseppe Mangialavori più che una speranza oggi sia divenuta una certezza per la Calabria che cambia. Chi ha scommesso sul successo del senatore Mangialavori – spiegano ancora gli esponenti di maggioranza -, ma soprattutto chi ne ha condiviso la idea e progettualità, ha firmato in particolare l’avvio di un sicuro percorso di ripresa della società vibonese, afflitta da disagi, difficoltà e diffusi momenti di disperazione, soprattutto tra i giovani impegnati a credere in un loro giusto e adeguato avvenire».

E ancora: «i grandi temi della politica di servizio che il senatore ha ereditato dall’attività precedentemente svolta del compianto padre Niuccio e che sono stati affrontati e posti al centro del dibattito nel corso della campagna elettorale, hanno finito coll’incassare la più serena e consapevole attenzione dei cittadini, tutti convinti della voglia di pensare ad una nuova primavera per Vibo Valentia e dintorni. Il suo fermo e caparbio impegno, volto a confermare con la umiltà e la capacità di sempre la possibilità di poter promuovere insieme un nuovo progetto utile a dare una forte spallata alla cultura della disperazione e del pressapochismo, ha conosciuto la conferma più attesa con una performance elettorale che rilancia, da oggi, la cultura della concretezza di cui Forza Italia è sempre stata bandiera più avanzata. E’ anche una nuova alba per Vibo Valentia e per tutte le forze politiche che verranno a concorrere insieme al senatore Giuseppe Mangialavori a mettere in piedi una comune strategia di condivisione utile ad attivare una inversione di tendenza sul sistema di dare pronte e sicure risposte ai cittadini e alla politica della crescita socio economica, ambientale  ed occupazionale. Nel prendere atto con viva soddisfazione della prestigiosa affermazione del senatore Mangialavori, avvertiamo forte il bisogno di rinnovare alla sua più alta personalità parlamentare la più grande e affettuosa stima per quanto realizzato fino ad oggi e per quanto egli andrà a fare per migliorare ulteriormente la condizione di un territorio dove la politica degli ultimi decenni ha fatto registrare grandi delusioni ed incertezze». 

LEGGI ANCHE:

Politiche 2018 | Mangialavori è senatore: «Lavorerò con tutto me stesso per il territorio» (VIDEO)

Politiche 2018 | Wanda Ferro fa man bassa nel Vibonese, Bruno Censore sconfitto anche nella sua Serra

Politiche 2018 | Fuori Censore e dentro Mangialavori, Nesci e Viscomi

Politiche 2018 | Il sindaco di Vibo Costa scioglie le riserve, sosterrà Mangialavori