Platani abbattuti a Serra San Bruno, la Regione smentisce autorizzazione

Continua a far discutere il caso degli alberi di alto fusto tagliati nell’area verde della Città della certosa. Il Dipartimento: «Noi interpellati ma non competenti in merito»  

Continua a far discutere il caso degli alberi di alto fusto tagliati nell’area verde della Città della certosa. Il Dipartimento: «Noi interpellati ma non competenti in merito»  

Informazione pubblicitaria
L'area disboscata a Serra San Bruno
Informazione pubblicitaria

Si continua a discutere, a Serra San Bruno, del caso dei platani abbattuti nell’area verde antistante la chiesetta di San Rocco. A chiarire la propria posizione è adesso il Dipartimento della presidenza della Regione Calabria con competenze in materia di Foreste, forestazione e difesa del suolo che, attraverso il responsabile Serafino Nero, fa sapere che nessuna autorizzazione è stata concessa dall’Ente in relazione all’abbattimento. È lo stesso responsabile a chiarire che, «seppur interpellato in merito, il Dipartimento non ha rilasciato alcuna autorizzazione, atteso che gli alberi suddetti ricadono in parco urbano e come tali sottratti alla competenza del citato ufficio». Nei giorni scorsi anche la diocesi di Catanzaro Squillace si era chiamata fuori dal caso, chiarendo che neppure la Curia poteva ritenersi responsabile dell’accaduto. Stessa posizione, del resto, assunta dal Comune di Serra che attraverso una nota del sindaco Luigi Tassone aveva altresì spiegato di non essere intervenuto. Chi ha deciso, quindi, di disboscare la località tanto cara ai serresi? Ridiscendendo i livelli di responsabilità si giunge alla parrocchia di San Biagio, retta da don Leonardo Calabretta, che avrebbe assunto la decisione per motivi non meglio precisati. 

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE:

Serra San Bruno, il taglio dei platani di San Rocco scatena le polemiche