Sterpaglie e degrado deturpano la città e a Bivona è invasione di rane (VIDEO)

Sempre più compromessa la situazione di numerose località del capoluogo e delle frazioni. Nel piccolo centro marinaro un singolare fenomeno preoccupa i residenti. L’assessore Lombardo: «Serve collaborazione di tutti»

Sempre più compromessa la situazione di numerose località del capoluogo e delle frazioni. Nel piccolo centro marinaro un singolare fenomeno preoccupa i residenti. L’assessore Lombardo: «Serve collaborazione di tutti»

Informazione pubblicitaria
Lo stagno sulla spiaggia di Bivona
Informazione pubblicitaria

Torrenti e marciapiedi invasi da sterpaglie, rifiuti abbondanti un po’ ovunque e una palude in mezzo ad una spiaggia. Accade a Vibo Valentia, dove il degrado colpisce le “Marinate” così come le periferie del capoluogo. Un’incuria non disdegna neppure il centro abitato dove le sterpi hanno conquistato molti marciapiedi. L’erbaccia a Moderata Durant – dove sta sorgendo il nuovo teatro e dove si trova il Parco urbano, meta di centinaia di bambini – continua a crescere indisturbata. Passeggiare sui marciapiedi è una corsa ad ostacoli. Stesso scenario a Vibo Marina, seconda traversa di via Parodi, dove ha sede la delegazione municipale, qui dove il corso d’acqua che attraversa la via è quasi completamente invaso dalle sterpaglie. A pochi metri, una catasta di rifiuti, anche ingombranti appoggiati sull’asfalto perennemente bagnato.

Informazione pubblicitaria

Sono anni che in questa via ci sono due perdite d’acqua che nessuno riesce ad arrestare. «Venite a vedere quello che succede a Bivona» consiglia un passante. E così raggiungiamo la popolosa frazione marinara di Vibo Valentia. Alla foce del torrente Tomarchiello, si è formata un’area paludosa e maleodorante che ospita un’infinità di rane. «Ce ne sono migliaia» dice un residente della zona che ne raccoglie una da terra per mostrarcela. «In alcune ore del giorno le minuscole rane, attraversano la piazza per poi ritornare nello stagno. Non era mai capitata una cosa del genere» ammette l’uomo che auspica un immediato intervento del Comune affinché bonifichi l’area. I piccoli anfibi non invadono solo lo stagno. Si sono adattati così perfettamente all’ambiente che saltellano sulla spiaggia fino a raggiungere la piazzetta di Bivona. Lo stesso luogo e lo stesso mare che da qui a qualche settimana ospiterà centinaia di bagnanti che quest’anno avranno un motivo in più per scappare. Interpellato in merito a tali problematiche, l’assessore comunale all’Ambiente Lorenzo Lombardo, ha spiegato come «per venirne a capo serve «la collaborazione di tutti: cittadini e altre istituzioni competenti».

LEGGI ANCHE:

Piazza al buio, strade disastrate e uno stagno in spiaggia: “Così muore Bivona” (VIDEO)

Vibo Marina e quella traversa dimenticata dalle istituzioni (VIDEO)