domenica,Luglio 25 2021

Discarica a Dinami, Tucci (M5s): «Pronta una raccolta firme»

L’esponente pentastellato: «Dalla Regione risposte incomplete e reticenti. Decideranno i cittadini con un referendum»

Discarica a Dinami, Tucci (M5s): «Pronta una raccolta firme»
Una discarica

Nuovo capitolo sul centro di gestione dei rifiuti da ubicare nel territorio Dinami. L’evoluzione della vicenda viene illustrata da Riccardo Tucci, deputato del Movimento 5 stelle: «Non sono arrivate le risposte che ci aspettavamo alle interrogazioni presentate dai consiglieri regionali Francesco Pitaro e Marcello Anastasi ai responsabili della Regione Calabria. O meglio – spiega l’esponente pentastellato – non sono arrivate le risposte tout court, dal momento che la replica affidata al dirigente generale del Dipartimento di tutela dell’ambiente Gianfranco Comito non dirada i molteplici dubbi, essendo incompleta, lacunosa e reticente. Pertanto – comunica- intraprenderemo una nuova strada che è quella della raccolta firme finalizzata alla richiesta di un referendum popolare previsto dallo statuto comunale. I cittadini del Comune di Dinami democraticamente decideranno del proprio futuro e della realizzazione dell’impianto con annessa discarica di rifiuti».

Il Comune di Dinami
Il Comune di Dinami

La replica “lacunosa”

«Nella replica del dg Comito – sottilizza Tucci – scompare l’impianto del vetrificatore, cosa gravissima, essendo lo stesso cruciale per l’intero progetto. Il vetrificatore non è nient’altro che un inceneritore “senza fiamma” che produce scorie altamente nocive, micropolveri e nanopolveri. Ha costi molto alti e presenta una tecnologia oramai superata dalla storia. Non è un caso che il primo impianto sperimentale realizzato a Gioia del Colle, in provincia di Bari, sia stato posto sotto sequestro, dopo pochi mesi, anche per le criticità summenzionate».

L’incontro con i cittadini

«Inoltre, nel documento – evidenzia il parlamentare – si fa riferimento all’incontro del sindaco di Dinami Gregorio Ciccone con la cittadinanza, del 9 giugno scorso, facendo quasi intendere che lo stesso abbia chiarito quel che si vuole realizzare. Cosa tutt’altro che avvenuta: Ciccone – incalza Tucci – si è congedato dalla manifestazione con la “minaccia” che qualunque cosa pensassero i cittadini sull’argomento, ciò non l’avrebbe fatto recedere dal suo proposito di andare avanti per la propria strada».

Riccardo Tucci, M5s

La necessità di un impianto rifiuti provinciale

«Ora – aggiunge Tucci- si comprende la necessità dell’Ato vibonese di dotarsi di un impianto di auto-gestione dei rifiuti per rendersi indipendente dalle altre province calabresi, ma questo obiettivo dovrà perseguirsi seguendo criteri di ragionevolezza, non abbandonandosi ciecamente al primo progetto demenziale messo sul tavolo. Si dovrebbe, cioè, ragionare in un’ottica di economia circolare, di riduzione, riuso e riciclo dei rifiuti strutturandosi con le filiere a freddo degli impianti a trattamento meccanico e biologico. Il mondo è già in quella direzione e sarebbe un grave arretramento accettare, supinamente, certi modelli antistorici. Dunque – conclude il parlamentare – sarebbe auspicabile sedersi tutti attorno a un tavolo per ridiscutere e individuare la migliore soluzione al problema, preservando la salute e l’ambiente e tenendo in debito conto la volontà popolare».

LEGGI ANCHE: Discarica a Dinami, il sindaco di Vibo difende la scelta fra le proteste dei residenti
Discarica a Dinami, Pitaro e Anastasi: «A rischio la salute di una comunità»

Articoli correlati

top