Acqua non potabile a Tropea, scatta l’ordinanza di divieto

Esito sfavorevole per i prelievi effettuati dall’Arpacal nei serbatoio “Capoluogo” e “Vulcano”. Imposto il divieto al consumo per uso alimentare e personale

Esito sfavorevole per i prelievi effettuati dall’Arpacal nei serbatoio “Capoluogo” e “Vulcano”. Imposto il divieto al consumo per uso alimentare e personale

Informazione pubblicitaria
Una panoramica di Tropea
Informazione pubblicitaria

Nuova ordinanza di non potabilità dell’acqua a Tropea. Il provvedimento è stato vergato dalla Commissione straordinaria alla guida del Municipio sulla base dell’esito delle analisi effettuate dall’Arpacal di Vibo Valentia, e trasmesse ad Asp e Comune, con le quali viene evidenziata la non conformità per il consumo umano di campioni di acqua prelevati il 18 settembre scorso nei serbatoi “Capoluogo” e “Vulcano”. Assoluto divieto di consumo per uso alimentare, lavaggio e preparazione degli alimenti, igiene orale, lavaggio stoviglie o utensili da cucina, lavaggio di apparecchiature sanitarie e oggetti per l’infanzia, dunque, quello disposto dalla triade commissariale che ha esteso il provvedimento a tutto il territorio comunale, considerato che le due cisterne servono buona parte della rete idrica cittadina. 

Informazione pubblicitaria