Pulizia fossi e torrenti, a Bivona manutenzione a metà – Video

Operai a lavoro lungo il corso del Tomarchiello per rimuovere vegetazione e detriti mentre il vicino fosso Bravo resta sommerso da rigogliosi canneti 

Operai a lavoro lungo il corso del Tomarchiello per rimuovere vegetazione e detriti mentre il vicino fosso Bravo resta sommerso da rigogliosi canneti 

Informazione pubblicitaria
Lavori di manutenzione a Bivona
Informazione pubblicitaria

Ruspe in azione da stamattina a Bivona per le opere di manutenzione idraulica dei corsi d’acqua. Al lavoro gli operai di un’impresa che, per conto della Regione Calabria, sta bonificando il torrente Tomarchiello, divenuto tristemente noto durante l’alluvione del 3 luglio 2006 quando straripò contribuendo ad allagare l’abitato. Un intervento resosi necessario dopo le abbondanti piogge del  mese scorso che hanno ingrossato il fiumiciattolo facendolo straripare. Canne alte tre metri, sterpaglie e rifiuti di ogni genere ostruivano il passaggio dell’acqua. «I lavori andranno avanti fino alla completa rimozione dei detriti» spiega un operaio. Ma il budget risicato non sembra bastare per un altro torrente che si trova a una manciata di metri e che risulta intasato: il fosso Bravo. Qui i canneti crescono rigogliosi. Sono anni i residenti chiedono di intervenire senza ottenere riposta. Da un decennio che una coppia di anziani, che vive nelle adiacenze del corso d’acqua, chiede che venga costruito un argine a protezione della loro abitazione. Ecco il servizio del Tg di LaC Tv.

Informazione pubblicitaria