I Carabinieri Forestali portano la “Befana della Biodiversità” in pediatria a Vibo

L’iniziativa promossa dal Reparto di Mongiana in collaborazione con il circolo Legambiente di Ricadi servirà anche a sensibilizzare i piccoli pazienti sulle tematiche ambientali

L’iniziativa promossa dal Reparto di Mongiana in collaborazione con il circolo Legambiente di Ricadi servirà anche a sensibilizzare i piccoli pazienti sulle tematiche ambientali

Informazione pubblicitaria

Il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità di Roma organizza per il 6 gennaio 2019, negli ospedali pediatrici e nei reparti di pediatria italiani, la seconda edizione della “Befana della Biodiversità”, una giornata speciale di educazione ambientale e solidarietà a favore dei piccoli degenti ricoverati. All’iniziativa aderisce anche il Reparto Carabinieri Biodiversità di Mongiana che, con la collaborazione del circolo Legambiente di Ricadi, saprà presente nel reparto pediatrico dello Jazzolino di Vibo. Durante la giornata verranno consegnati ai bambini dei piccoli gadget creati dallo stesso Reparto ed altri oggetti acquistati mediante sottoscrizione volontaria da parte di tutto il personale dei Carabinieri Forestali e di Legambiente. In tale occasione si parlerà della connessione tra illeciti ambientali e malattie ad essi collegati, sottolineando l’importanza di mantenere l’ambiente sano e pulito. Il tutto sarà integrato da interventi di educazione alla legalità ambientale da parte dei Carabinieri Forestali e da personale specializzato del circolo Legambiente di Ricadi, nonché dal gioco dell’albero (gioco da tavolo attraverso il quale i bambini potranno conoscere e vivere di persona le varie problematiche riguardanti l’uso improprio dell’ambiente naturale). A coordinare l’evento sarà il Reparto Carabinieri Biodiversità di Mongiana comandato dal tenente colonnello Angelo Daraio, che impiegherà per tale manifestazione il personale del Nucleo Carabinieri Tutela Biodiversità – Reparto a Cavallo di Mongiana, al Comando del maresciallo maggiore Domenico Minichini.