Acqua a Ricadi, ordinanza di divieto a Santa Domenica e Santa Maria

Serbatoi idrici chiusi da oggi pomeriggio. Disagi previsti per le giornate di giovedì e venerdì

Serbatoi idrici chiusi da oggi pomeriggio. Disagi previsti per le giornate di giovedì e venerdì

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Serbatoi idrici chiusi a Santa Domenica di Ricadi e Santa Maria di Ricadi dalle ore 17 di oggi, 6 febbraio, per consentire alla Sorical di effettuare lavori di pulizia straordinaria alla rete principale di distribuzione idrica onde eliminare i residui di sedimenti indesiderati accumulatisi negli anni e che sono causa del colore torbido dell’acqua erogata ai cittadini. E’ quanto dispone un’ordinanza del sindaco di Ricadi, Giulia Russo, che invita a non aprire alcun rubinetto delle utenze idriche e a non utilizzare alcun elettrodomestico collegato direttamente alla rete idrica, chiudendo, per maggior sicurezza, la valvola generale a monte del contatore. Divieto quindi di utilizzare l’acqua erogata dalla rete comunale per usi potabili e scopi alimentari dalle ore 7 alle ore 23 a Santa Domenica nella giornata di giovedì 7 febbraio, e dalle ore 7 alle 23 a Santa Maria di Ricadi venerdì 8 febbraio. Al momento della riapertura della valvola generale degli impianti domestici si prevede l’uscita di acqua fortemente colorata dai sedimenti mobilizzati dalle operazioni di pulizia. Pertanto occorrerà far scorrere l’acqua dai rubinetti per breve tempo fino alla completa chiarificazione. Le infrazioni all’ordinanza di divieto dell’uso dell’acqua saranno punite con multe dai 25 ai 500 euro.    LEGGI ANCHE: Lavori all’impianto Medma, carenza idrica a Nicotera, Joppolo, Ricadi e Tropea

Informazione pubblicitaria

Coliformi nell’acqua oltre i limiti di legge, ordinanza di divieto a Spilinga

Nuovo guasto alla rete Sorical, ancora disagi nell’erogazione dell’acqua a Vibo e dintorni

Acqua non potabile e con parametri fuorilegge a Joppolo e Coccorino

Acqua di nuovo potabile a Rombiolo, Pernocari e Presinaci

Acqua dalla sorgente Pimè non potabile a Maierato