Tropea plastic free, il plauso del Wwf al sindaco

L’associazione ambientalista loda l’ordinanza del primo cittadino: «Anziché lamentarsi, ha dimostrato di volere rispondere con i fatti alle criticità della sua splendida città» 

L’associazione ambientalista loda l’ordinanza del primo cittadino: «Anziché lamentarsi, ha dimostrato di volere rispondere con i fatti alle criticità della sua splendida città» 

Informazione pubblicitaria

«Grande e sincero compiacimento» viene espresso dal Wwf vibonese al sindaco di Tropea, Giovanni Macrì, per «la coraggiosa e innovativa ordinanza che intende contrastare l’uso e l’abbandono della plastica sul territorio della più nota e frequentata località balneare della Regione». Per gli ambientalisti, «invece di associarsi acriticamente allo sterile coro delle lamentele per il mancato riconoscimento della bandiera blu alla sua cittadina, il sindaco Macrì si è interrogato sulle cause oggettive che ancora impediscono alla pur incantevole località turistica di poter compiere quel salto di qualità che le consentirebbe, tra l’altro, di potersi fregiare del prestigioso riconoscimento, individuandone alcune nella mancata risoluzione di problemi connessi alla tutela e alla cura dell’ambiente».

Informazione pubblicitaria

Il Wwf parla inoltre di «notevole e inusuale senso di responsabilità» del primo cittadino, che ha evidenziato i punti critici della cittadina, a cominciare da una differenziata ferma al 33,92%. «Con altrettanta lodevole sensibilità ecologica ha individuato nell’eccessivo e disinvolto uso della plastica e nella sua sempre più  allarmante presenza, uno degli elementi negativi di maggiore impatto sull’ecosistema cittadino e marino, mettendo al bando sacchetti, contenitori, stoviglie che non siano biodegradabili e promettendo un severo controllo sul territorio per il rispetto dell’ordinanza». L’augurio dell’associazione è dunque quello che «siano per primi gli stessi tropeani a comprendere l’importanza dell’iniziativa e a collaborare attivamente affinché possa ben presto affermarsi, perché da una città più pulita, ordinata e sostenibile anche da altri punti di vista (traffico, cementificazione, depurazione), Tropea e i suoi abitanti avranno tutto da guadagnarci».