giovedì,Ottobre 6 2022

Antenna a Coccorino: il Tar vuole verificare i vincoli paesaggistici e i rischi dell’area

Il Comune di Joppolo si è opposto alla realizzazione nel terreno del padre dell’ex vicesindaco Sterza ed ora i giudici amministrativi hanno chiesto una relazione sullo stato dei luoghi al comandante dei carabinieri forestali

Antenna a Coccorino: il Tar vuole verificare i vincoli paesaggistici e i rischi dell’area

Importante ordinanza della seconda sezione del Tar di Catanzaro nel ricorso presentato dalla società Wind Tre spa contro il Comune di Joppolo per l’annullamento del provvedimento con il quale lo stesso Comune il 3 dicembre scorso ha disposto la sospensione dei lavori di realizzazione di un impianto di telefonia mobile 5G sito a Coccorinello in un’area privata appartenente al padre dell’ex vicesindaco Dino Sterza.
Il Tribunale amministrativo regionale ha deciso di affidare al comandante dei carabinieri del Comando Gruppo Nucleo Forestale di Vibo Valentia una verifica per accertare se il terreno sul quale la Wind intende realizzare l’impianto di telefonia mobile rientri nell’area a rischio R2 e R3 (come indicata nel Piano Stralcio di Bacino per l’Assetto Idrogeologico) e si trovi nella fascia di vincolo paesaggistico. Il comandante dei carabinieri forestali dovrà poi accertare se sia attualmente esistente un fiume o un torrente o un corso d’acqua, il cui letto corra entro una distanza di 150 metri dal terreno in cui la Wind intende realizzare l’impianto. Dovrà altresì accertare se tale fiume o corso d’acqua sia iscritto negli elenchi previsti dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e gli impianti elettrici. Le verifiche dovranno essere compiute entro il 15 aprile, mentre la relazione conclusiva sarà depositata entro il 15 maggio. I giudici amministrativi hanno infine stabilito che il Comune di Joppolo dovrà depositare in giudizio, entro quindici giorni dalla comunicazione dell’ordinanza, tutta la corrispondenza intercorsa tra il Comune (assistito dall’avvocato Giuseppe Renda) e la ricorrente Wind successivamente alla data del 14 gennaio 2021, nonché copia degli eventuali verbali degli incontri tenutisi tra i rappresentanti del Comune e quelli della ricorrente a seguito del 14 gennaio 2021. La discussione del ricorso nel merito è stata fissata per il 15 giugno prossimo.

LEGGI ANCHE: Antenna a Coccorino, Ventrice: «Perché l’amministrazione Mazza-Sterza non ha appellato la sentenza del Tar»?

Antenna a Coccorino, l’amministrazione comunale si oppone all’opera su suolo privato

Articoli correlati

top