giovedì,Ottobre 6 2022

Mare sporco a Nicotera, il sindaco: «Ecco la causa, informata la Capitaneria»

Le acque torbide hanno fatto indignare turisti e residenti. Il primo cittadino Marasco dalle autorità competenti con un video che mostrerebbe sversamenti illeciti

Mare sporco a Nicotera, il sindaco: «Ecco la causa, informata la Capitaneria»
Il mare ieri a Nicotera e, nel riquadro, il sindaco Marasco
Il fiume Vene nel video postato dal sindaco

Un triste spettacolo quello presentato ieri dal mare di Nicotera Marina. Acqua di colore variabile dal verde al marrone e bagnanti infuriati. Eloquenti le foto pubblicate sui social da turisti e residenti, indignati i commenti: «Ho fatto mille chilometri per questo?», «Da matti rovinare un mare stupendo come il nostro», «Ci diranno anche stavolta che è la fioritura algale?».
Nel pomeriggio sulla questione è intervenuto il sindaco, Giuseppe Marasco, pubblicando sui social il video girato da un cittadino nei pressi della foce del fiume Vena, nel territorio della vicina San Ferdinando. «Ecco la causa della malattia del nostro mare», ha scritto il sindaco commentando il colore marrone del corso d’acqua, frutto probabilmente di sversamenti illeciti.

Il primo cittadino ha quindi reso noto di aver tempestivamente informato la Capitaneria di porto, che ha proceduto a fare dei sopralluoghi, ed anche il presidente della Regione Roberto Occhiuto – che aveva annunciato tolleranza zero per il mare sporco e per il monitoraggio dello stesso ha messo in campo anche droni e elicotteri, con l’obiettivo di scovare eventuali sversamenti illeciti.
Marasco si è quindi recato alla Capitaneria di porto di Gioia Tauro – competente per l’area in cui si trova la foce del fiume Vena – per «rilasciare delle sommarie informazioni testimoniali». «Mi auguro che quanto riferito possa essere di aiuto agli organi inquirenti – ha dichiarato il sindaco nicoterese -, per far luce su quanto accaduto nello specchio di acqua antistante la nostra frazione Marina. Restiamo uniti, solo così possiamo vincere questa battaglia».
Nella mattinata di oggi, il mare sembra essere tornato al suo colore naturale.

Articoli correlati

top