mercoledì,Giugno 16 2021

Balneabilità delle acque, il Gac consegna ai sindaci i cartelloni informativi

L’iniziativa, in collaborazione con l’Arpacal, riguarderà 65 tratti della costa vibonese sui quali verrà attestata la fruibilità del mare a beneficio di turisti e residenti.

Balneabilità delle acque, il Gac consegna ai sindaci i cartelloni informativi

Si terrà venerdì 23 maggio, alle ore 9, nel sala congressi “Murmura” della Camera di Commercio di Vibo Valentia, la cerimonia di consegna della cartellonistica informativa sulla balneabilità delle acque ai sindaci dei comuni interessati.

A promuoverla è il Gruppo di azione costiera “Costa degli Dei” insieme all’Arpacal e alla presenza delle autorità provinciali e regionali, delle associazioni di categoria, dell’associazionismo civico, culturale e sociale di imprese e cittadini.

La balneabilità delle acque, spiega il Gac, «rappresenta un’esigenza per un territorio come il nostro a forte vocazione turistica e anche un preciso adempimento amministrativo che incombe sui sindaci e sulle amministrazioni comunali che, per i transetti di costa ricadente sotto la propria competenza, devono informare i cittadini secondo i profili indicati dal portale nazionale delle acque di balneazione (www.portaleacque.salute.gov.it).

Il Gac, allo scopo, ha predisposto per tutta la “Costa degli Dei”, 65 cartelloni in metallo pari ai 65 transetti di costa, dove la stessa Arpacal effettua il monitoraggio della qualità delle acque, per attestare a turisti e residenti, la fruibilità in sicurezza delle stesse.

«Era corretto – dice il coordinatore tecnico del Gac, Franco Dario Giuliano – dare una mano agli amministratori locali, impegnati in prima persona a garantire a residenti e villeggianti una fruizione corretta del mare e nell’adempiere a questo importante obbligo di legge, “aiutare al contempo a spiegare ed informare correttamente l’opinione pubblica sugli aspetti dell’attività di monitoraggio ambientale che definiscono la qualità delle acque di balneazione secondo le linee guida nazionali sull’argomento».

Nell’occasione, al momento celebrativo seguirà una sessione dedicata alla ripresa di dialogo e confronto sul Contratto di Costa, per fare il punto della situazione anche alla luce dei nuovi sviluppi legati e correlati al Contratto di Fiume sull’area del Mesima che il Gac, nell’evoluzione delle sue attività, ha impiantato coinvolgendo diverse realtà della nostra provincia e di aree contigue per attivare benefici certi, reciproci e integrati.

Articoli correlati

top