Tornano in vacanza a Pizzo, trovano la spiaggia sporca e decidono di ripulirla

Una famiglia di origini vibonesi non si è rassegnata al desolante spettacolo che le si è parato davanti agli occhi e si è data da fare per rimuovere numerosi rifiuti

Una famiglia di origini vibonesi non si è rassegnata al desolante spettacolo che le si è parato davanti agli occhi e si è data da fare per rimuovere numerosi rifiuti

Informazione pubblicitaria
La spiaggia di Colamaio invasa dai rifiuti

Uno spettacolo a dir poco deprimente quello che si è presentato di fronte agli occhi di una famiglia di origini vibonesi, da tempo residente fuori regione, che, dopo un anno di lavoro, si è concessa l’abituale periodo di vacanza desiderosa di trascorrere del tempo con parenti e amici e di regalarsi un po’ di relax in riva al mare di Pizzo. Peccato che, proprio nel primo vero giorno di vacanza, l’impatto con la località prescelta per fare il bagno non si sia di certo potuto definire idilliaco. Anzi. A farla da padrone, sulla spiaggia di località Colamaio, la famiglia Ferito ha trovato cumuli di rifiuti portati dalle mareggiate o abbandonati da qualche mano incivile. Lo sconcertante scenario non ha però frenato l’entusiasmo dei bagnanti, dei più piccoli soprattutto, che di comune accordo hanno preso seduta stante una decisione: pulire la spiaggia. Quindi, imbracciati rastrelli, palette, sacchi, hanno dato seguito alla promessa e questa mattina si sono dati da fare ripulendo un discreto tratto di arenile a beneficio anche degli altri frequentatori della spiaggia. Un impegno volontario, il loro, segnalato anche attraverso cartelli che testimoniano ancor di più l’attaccamento al luogo e il rispetto per la natura. Un plauso, quindi, alla famiglia Ferito, originaria di Sant’Onofrio, per l’encomiabile gesto che ha permesso di liberare un prezioso tratto di spiaggia dalle brutture di un panorama caratterizzato da spazzatura e inciviltà