Rifiuti e come sbarazzarsene, nasce a Vibo il “lordazzo on the road” – Video

Gli incivili, refrattari alla raccolta differenziata, escogitano modi sempre più creativi per liberarsi della spazzatura. Basta guardare oltre i guardrail per accorgersene. Noi l’abbiamo fatto ed ecco cosa abbiamo trovato

Gli incivili, refrattari alla raccolta differenziata, escogitano modi sempre più creativi per liberarsi della spazzatura. Basta guardare oltre i guardrail per accorgersene. Noi l’abbiamo fatto ed ecco cosa abbiamo trovato

Informazione pubblicitaria

I lordazzi salveranno gli enti locali dal dissesto finanziario… forse. Se e quando saranno multati e pagheranno per aver insozzato città e strade. A Vibo Valentia il giro di vite avviato dal neo sindaco Maria Limardo su decoro e nettezza urbana dà i primi risultati. Ripresi da privati, identificati e sanzionati. La strada intrapresa è quella giusta. Bisogna insistere…  Già, perché l’inciviltà – che spesso si mescola a ignoranza, scarsa educazione e stupidità – è dilagante. Troppo faticosa, per qualcuno la raccolta differenziata e così per disfarsi dell’immondizia ci si inventa nuovi sport. Il lancio del sacchetto oltre il guardrail, con l’auto in corsa, prende pista e trova sempre nuovi appassionati: chiamateli pure “lordazzi on the road”. Statale 18 e Statale 182 sono solo un metafora di questo fenomeno. Oltre il guardrail c’è di tutto, sacchetti chiusi e altri sventrati da topi e randagi. Degrado, pattume, segni tangibili di ignoranza e inciviltà con vista paradisiaca su uno dei tratti di costa più suggestivi del Tirreno. 

Ci sono poi gli zozzoni tradizionalisti, quelli per i quali il lancio della monnezza oltre il guardrail è troppo, troppo trasgressivo o, semplicemente, troppo faticoso. Questi preferiscono fermarsi, lasciare la spazzatura e ripartire: lordazzi abitudinari, che trasformano le piazzole in micro-discariche abusive. Come la piazzola dove un tempo c’era una fonte d’acqua potabile che ora, ovviamente, non c’è più. O il fosso, tra Vibo Marina e Pizzo, a ridosso di un ponte che dovrebbe sovrastare un corso d’acqua, il cui letto è sparito tra sterparglie, rovi, rifiuti, pneumatici, ingombranti. Sono tanti i lordazzi, sono troppi. Salveranno loro gli enti locali dal dissesto finanziario? Se e quando pagheranno. Il tempo, forse, è arrivato.

LEGGI ANCHEAbbandono di rifiuti a Vibo, sanzionati dieci incivili