Pineta di Colamaio, si punta ad un bando per l’affidamento della zona – Video

Primo passo quello di ottenere la concessione demaniale dell’area. La gestione del sito di Pizzo permetterebbe di mantenere pulita l’intera località

Primo passo quello di ottenere la concessione demaniale dell’area. La gestione del sito di Pizzo permetterebbe di mantenere pulita l’intera località

Informazione pubblicitaria

«Prima del 15 di agosto avevamo pulito il sito, in previsione della tanta affluenza. Sono stati posizionati anche dei cassonetti per cercare di attenuare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti indifferenziati, che in un sistema di raccolta differenziata come quella che c’è nel comune di Pizzo diventa difficile da gestire». È quanto afferma Fabrizio Anello, assessore alle Politiche ambientali del comune napitino dal 2012.

Informazione pubblicitaria

La pineta di Colamaio torna, dunque, sotto i riflettori. Dopo la constatazione delle sue condizioni post Ferragosto, la giunta comunale appare sempre più determinata ad intervenire. Lo scopo è quello di trovare una soluzione definitiva all’annoso problema dell’abbandono dei rifiuti. Telecamere e controlli potrebbero non bastare, sia per la vastità della zona e la scarsità di risorse con la quale bisogna fare i conti, sia perché quello che ci vorrebbe è più che altro un cambiamento di mentalità da parte dei cittadini. Così, si sta già pensando alla pubblicazione di un bando per l’affidamento in gestione del sito. Il primo passo sarà quello di ottenere la concessione demaniale dell’area, dopodiché la stessa sarà affidata ad un soggetto privato che se ne occuperà. «Dobbiamo preservare la pineta, che, ricordiamolo, è un sito d’interesse comunitario, fa parte delle dune dell’Angitola ed è anche inserita in “Natura 2000” quindi sarebbe un’area protetta». Accessi regolamentati, aree pic nic e parcheggi a pagamento, dunque, come antidoto al vandalismo e ai “lordazzi”.