Nuovo nucleo di guardie eco-zoofile a Zungri

Giuramento dinanzi al sindaco del corpo che fa parte dell’associazione nazionale di volontariato

Giuramento dinanzi al sindaco del corpo che fa parte dell’associazione nazionale di volontariato

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Ha giurato di fronte al sindaco il nuovo corpo di guardie eco-zoofile di Zungri. Afferenti all’associazione nazionale di volontariato A.n.p.a.n.a. G.e.p.a. Onlus, il nuovo nucleo operativo a Zungri e Cessaniti conta due sedi nei rispettivi comuni, diversi mezzi di terra e circa venti elementi guidati dal comandante provinciale Diego Crocié e dal vice comandante Emanuele Cullari.

Informazione pubblicitaria

Particolarmente apprezzate per la loro efficacia contro gli incendi boschivi (prevenzione e spegnimento), le guardie eco-zoofile intervengono su una grande quantità di situazioni che coinvolgono il patrimonio ambientale e quello animale: randagismo, maltrattamento degli animali (sia domestici, sia selvatici, sia di allevamento), abbattimento abusivo di alberi, controllo di attività ittiche e venatorie, contrasto al bracconaggio, pronto soccorso per animali selvatici feriti o in difficoltà, monitoraggio e controllo di sversamenti di sostanze inquinanti nell’ambiente, rilevamento di reati contro l’ambiente, monitoraggio e segnalazione fenomeni di dissesto idrogeologico. Le guardie eco-zoofile sono riconosciute dal Ministero dell’Interno e dal Ministero dell’Ambiente e, a seconda del grado di specializzazione e di potenziamento dei nuclei operativi, hanno poteri di polizia giudiziaria in grado di intervenire con controlli e contravvenzioni in materie ambientali e di protezione animali. In alcuni casi i loro ufficiali possono conseguire il porto d’armi ed essere armati durante il servizio. Le guardie eco-zoofile A.n.p.a.n.a. G.e.p.a. di Zungri possono agire in affiancamento alle forze dell’ordine e svolgono anche la funzione di protezione civile.