Bandiera Blu da Capo Vaticano a Palmi, un comitato ci crede – Video

L’ambizioso progetto si propone di attuare azioni utili ad assegnare il significativo riconoscimento internazionale a tutto il litorale del golfo di Gioia Tauro. Ma non mancano gli ostacoli
L’ambizioso progetto si propone di attuare azioni utili ad assegnare il significativo riconoscimento internazionale a tutto il litorale del golfo di Gioia Tauro. Ma non mancano gli ostacoli
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si  è  svolta  nei giorni scorsi  nell’aula  consiliare  del  Comune  di  Gioia  Tauro,  l’assemblea  costituente  del coordinamento  delle  associazioni  impegnate  nella  difesa  del  mare  e  dell’ambiente  e  dei  singoli  cittadini facenti  parte  dei  comuni  costieri  da  Ricadi  a  Palmi,  denominato  “Bandiera blu per il golfo”. L’ambizioso obiettivo che il nascente coordinamento si è dato per l’intero comprensorio a cavallo tra le province di Vibo Valentia e Reggio Calabria, è il conseguimento  della  “Bandiera  Blu”  per  il  golfo  di  Gioia Tauro  il  cui  litorale  va  da Capo Vaticano a Capo Barbi, significativo riconoscimento internazionale che viene assegnato ogni anno alle località turistiche balneari che rispettano rigidi criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio e del mare in particolare. «Il focus del coordinamento – si legge in una nota -, pur perseguendo il prestigioso biglietto da visita per l’intero golfo di  Gioia Tauro, è quello di indirizzare la politica di  gestione  locale  del  territorio  verso  un  processo  di  piena sostenibilità  ambientale, che comprende sia  la  salvaguardia  e  la rigenerazione  delle  aste  fluviali  presenti  sul territorio dal Mesima al Petrace inclusi  i corsi d’acqua minori, che il raggiungimento  di  un controllo vigile e affiancato con  i soggetti che  hanno  la  responsabilità  nella  gestione  del  ciclo  delle  acque  e dei  rifiuti, nella pianificazione del  territorio  e nella tutela generale dell’ambiente con  prioritario riferimento alla tutela del diritto alla salute  e  per  uno sviluppo economico legato al turismo balneare  eco-sostenibile».   

Informazione pubblicitaria

Nel corso  dell’assemblea  è  stato evidenziato  come  «ogni sforzo  partecipativo  delle  associazioni e  dei cittadini ad  una  maggiore  consapevolezza  dell’ambiente  che  viviamo, non possa assolutamente  prescindere  dal pieno  e  convinto  coinvolgimento  dei  sindaci dell’area  interessata. Il coordinamento  ritiene  che  un  primo  strumento  efficace  non  può  che  realizzarsi  attraverso  l’istituzione  di un  tavolo  tecnico  permanente,  che  veda insieme  alle  rappresentanze  associative del coordinamento i comuni del  golfo con  la presenza stabile dei  sindaci, in una cornice collaborativa di  tutti  gli attori, e che sulla base dei  dati  tecnici  già  disponibili  e  di quelli  che  saranno  acquisiti  anche  presso  gli  uffici  tecnici  dei Comuni,  inizi  ad  elaborare  un  quadro  di strategie condivise e prefiguri azioni risolutive delle varie problematiche  ambientali  in atto». Un tavolo aperto ad  altri  e diversi contributi «ogni qualvolta si riterrà necessario far  intervenire soggetti politico/amministrativi  ed esperti nel campo  della  tutela ambientale. Per questo  imprescindibile  motivo,  è  stato  programmato  a  breve  un  invito  ai  primi  cittadini  dei  territori  di Ricadi,  Joppolo,  Nicotera,  Rosarno,  Candidoni,  San  Ferdinando,  Seminara,  Gioia  Tauro  e  Palmi  a  voler partecipare  ad  un  prossimo  incontro  conoscitivo  per  la  presentazione  del  nuovo  soggetto».  

All’assemblea costituente partecipano le seguenti associazioni e singoli cittadini: Tavolo tecnico di tutela ambientale Gioia Tauro; Associazione “ProSalus” Palmi; “Movimento 14 luglio” Nicotera; Circolo Armino Palmi; Associazione “Città Futura” Gioia Tauro; Associazione “Osservatorio Ambientale Iride” Gioia Tauro; Comitato “7 agosto” San Ferdinando; Legambiente Cittanova; Associazione Turistica “Tonnara” Palmi; Comitato Quartiere “Pietre Nere” Palmi;  Comitato Quartiere “Contrada Romeo” Palmi; Associazione “Le Farfalle della Speranza” Gioia Tauro; Associazione “Fogghi di Luna” Palmi; Associazione “Ideali” Palmi; Angelo Carchidi, Rosarno; Brando Domenico, Palmi Romeo Giuseppe, Gioia Tauro; Romano Valerio, Gioia Tauro; Francesca Altomonte, Gioia Tauro; Alessio Aldo, Gioia Tauro; Sabina Ventini, Gioia Tauro; Ferro Rosanna, Palmi; Romeo Rosella, Palmi; Palaia Davide, Palmi; Pirrottina Natale, Palmi; Bagnato Enza, San Ferdinando; Tripodi Barbara, Palmi; Campesi Carmen, Palmi.