San Costantino celebra l’ambiente, all’iniziativa anche il prefetto Zito

Riuscita manifestazione promossa dall’amministrazione comunale in collaborazione con le scuole locali e Legambiente. «Il rispetto per la natura parte dai piccoli gesti» il messaggio agli studenti
Riuscita manifestazione promossa dall’amministrazione comunale in collaborazione con le scuole locali e Legambiente. «Il rispetto per la natura parte dai piccoli gesti» il messaggio agli studenti
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Quest’anno la tradizionale Festa dell’Albero, organizzata a San Costantino Calabro dall’amministrazione comunale, si è arricchita della presenza del prefetto di Vibo Valentia Francesco Zito. Il massimo rappresentante dell’organo territoriale di governo, nell’occasione si è rivolto alle insegnanti e agli studenti presenti davanti al Palazzo municipale plaudendo l’iniziativa e ricordando quanto sia fondamentale l’impegno quotidiano di ogni cittadino per la tutela dell’ambiente, «partendo da semplici gesti come quello di non gettare la carta e altra spazzatura per strada». La manifestazione, giunta ormai alla sua ottava edizione, è stata avviata ad inizio del suo precedente mandato dall’attuale sindaco Nicola Derito. Il primo cittadino nel suo intervento – dopo aver ringraziato il prefetto Zito per la sua presenza a San Costantino – ha sottolineato l’importanza che rivestono gli alberi nella prevenzione dei dissesti idrogeologici e il ruolo fondamentale delle giovani generazioni «per preservare l’ambiente e costruire un futuro migliore. L’iniziativa di oggi – ha proseguito – ​tende a sensibilizzare l’opinione pubblica e i ragazzi sull’importanza del patrimonio arboreo italiano e mondiale. Gli alberi, infatti, rappresentano da sempre un valore inestimabile, elemento indispensabile dell’ecosistema, per l’equilibrio climatico, per gli animali e per l’uomo». Il sindaco Derito è ritornato, poi, alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne svoltasi nei giorni scorsi. E riguardo a questa triste piaga ha sottolineato «che purtroppo siamo costretti ad assistere giornalmente a dei veri bollettini di guerra» e che la donna «non è un oggetto di tutela, ma al contrario un soggetto con pieni diritti». ​ Tra i presenti alla Festa degli alberi di San Costantino Calabro, anche il responsabile di Legambiente Franco Saragò, il quale dal canto suo si è complimentato con l’amministrazione comunale per l’annuale promozione dell’iniziativa e per «essere una delle poche realtà territoriali che, attingendo alla legge, piantano un albero per ogni bambino nato». ​

Informazione pubblicitaria