Caccia: Vardaro presidente dell’Atc di “Vibo 2”

Eletti anche gli altri membri del nuovo direttivo e posta fine ad una lunga fase di commissariamento
Eletti anche gli altri membri del nuovo direttivo e posta fine ad una lunga fase di commissariamento
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Cristian Vardaro

“Intendo ringraziare i componenti del comitato, che hanno riposto in me la loro fiducia, e tutti i membri del consiglio direttivo che da oggi in avanti mi affiancheranno in questo delicato compito. Mi sento profondamente onorato per questa nomina. Per quanto mi riguarda farò del mio meglio per essere all’altezza del ruolo assegnatomi, confidando nella leale e proficua collaborazione del mondo agricolo, ambientale e venatorio”. Sono queste le prime parole rilasciate del nuovo presidente dell’Ambito territoriale di caccia “Vibo Valentia 2”, Cristian Vardaro. L’elezione della nuova guida del Comitato di gestione è avvenuta nelle scorse ore, nell’ambito di un apposito incontro svoltosi nella sede dell’ente della città capoluogo, e sancisce la fine di una lunga fase di commissariamento. Nel corso della riunione sono stati eletti anche gli altri membri del nuovo direttivo, chiamato a gestire l’Atc VV 2 per i prossimi quattro anni. Il nuovo consiglio d’amministrazione, oltre che dal presidente Cristian Vardaro, sarà composto dai due vice presidenti Pasquale Giogà e Francesco Lico e dal segretario Nicola Mallimo. L’Ambito territoriale di caccia “VV2” è stato costituito nel 2005. Esso rappresenta una struttura associativa che, senza fini di lucro, in base alla legge 157/92 persegue scopi di programmazione dell’attività venatoria e di gestione della fauna selvatica su una porzione sub provinciale di zona agro-silvo-pastorale. L’area di sua pertinenza comprende 25 comuni del vibonese e si estende dal mar Tirreno alle montagne delle Serre.

Informazione pubblicitaria