Rifiuti, scongiurato il blocco dei conferimenti dal Vibonese

Il delegato regionale all’emergenza coronavirus Pallaria ha sollecitato l’Ato di Catanzaro ad aprire gli impianti anche ai comuni morosi. A renderlo noto il senatore Mangialavori
Il delegato regionale all’emergenza coronavirus Pallaria ha sollecitato l’Ato di Catanzaro ad aprire gli impianti anche ai comuni morosi. A renderlo noto il senatore Mangialavori
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Non ci saranno blocchi né interruzioni di servizio, i rifiuti raccolti nei comuni del Vibonese saranno regolarmente conferiti negli impianti». Ad annunciarlo è il senatore Giuseppe Mangialavori. «Il delegato regionale all’emergenza Covid-19, Domenico Pallaria – spiega il parlamentare -, ha invitato l’Ato di Catanzaro ad assicurare che i rifiuti raccolti dai Comuni “possano essere conferiti e trattati con tempestività negli impianti”. Nei giorni scorsi, infatti, l’Ato catanzarese aveva comunicato il blocco dei conferimenti presso l’impianto di Lamezia Terme per 28 dei 50 Comuni del Vibonese non in regola con i pagamenti». [Continua]

Rifiuti, conferimenti bloccati per 39 Comuni del Vibonese

Informazione pubblicitaria

«Tale possibile blocco, in piena emergenza epidemiologica da coronavirus – sottolinea Mangialavori –, avrebbe determinato conseguenze disastrose per un territorio in grave difficoltà sociale ed economica. Oggi più che mai è indispensabile garantire il funzionamento del sistema di raccolta per assicurare le migliori condizioni di igiene pubblica».

«Il servizio di raccolta e conferimento – aggiunge il senatore di Forza Italia – è stato ritenuto essenziale sia dall’ordinanza 6 dell’11 marzo, firmata dalla presidente della Regione Calabria, sia dal Dcpm del 22 marzo, che ha stabilito l’obbligo di non interrompere il sistema di smaltimento dei rifiuti. L’Istituto superiore di Sanità, infine, ha dato indicazioni precise circa le misure da adottare per un tempestivo servizio di raccolta soprattutto nei centri più popolosi».

Blocco del conferimento dei rifiuti, lo sdegno dei sindaci dell’Ato di Vibo

«Ovviamente – conclude Mangialavori -, i Comuni non in regola con i pagamenti in futuro dovranno sanare le loro posizioni debitorie, ma in questo momento di emergenza la salute pubblica viene al primo posto ed è un bene che le istituzioni regionali siano intervenute tempestivamente».