Discarica chiusa, a Vibo è di nuovo emergenza rifiuti (VIDEO)

Cumuli di spazzatura si vanno via via accumulando in diversi siti della città. Il consigliere di minoranza Cutrullà attacca: «Gestione inefficiente». Scuticchio si difende: «Paghiamo per i ritardi della Regione»

Cumuli di spazzatura si vanno via via accumulando in diversi siti della città. Il consigliere di minoranza Cutrullà attacca: «Gestione inefficiente». Scuticchio si difende: «Paghiamo per i ritardi della Regione»

Informazione pubblicitaria
Torna critica la situazione dei rifiuti a Vibo

Vibo Valentia ripiomba nell’emergenza rifiuti. Cassonetti stracolmi di spazzatura e cittadini rassegnati al degrado. In alcuni punti della città l’immondizia è stata raccolta ma depositata nei cassoni in attesa della riapertura della discarica.

Per i consiglieri di minoranza c’è una “chiara incapacità gestionale dell’amministrazione comunale”. «Amministrazione nuova, problemi vecchi» commenta Giuseppe Cutrullà consigliere comunale del Pd, che poi aggiunge: «tutti i programmi elettorali annunciati dall’allora sindaco D’Agostino all’attuale amministrazione Costa, prevedevano la costruzione di un’isola ecologica che è rimasta solo sulla carta. C’è – conclude – un’inefficienza dell’amministrazione comunale sul settore ambiente».

Direttamente chiamato in causa, l’assessore all’Ambiente Antonio Scuticchio risponde: «Se fossi di minoranza – controbatte – anch’io parlerei di incapacità gestionale dell’assessore all’ambiente». E poi chiosa «ognuno fa il suo mestiere, la minoranza fa il suo, io il mio».

Sulla nuova emergenza rifiuti Scuticchio chiarisce: «C’è un problema endemico che non dipende da noi ma dalla Regione Calabria». Mentre sul mancato avvio della raccolta differenziata in città dice «A Vibo è partita in tre quartieri, manca solo Vibo centro, ci vuole un attimo di pazienza… Come Roma non fu costruita in un giorno, neanche la differenziata si può fare in un giorno…».

Ai cittadini non resta che attendere l’avvio in tutti i quartieri della raccolta del servizio “porta a porta” che, finora, è partito solo a macchia di leopardo.