Ricadi-Capo Vaticano: i camion dei rifiuti parcheggiati nel campo sportivo

Malumori nel comune capoluogo per la scelta di destinare l’area a parcheggio per i mezzi della ditta addetta alla raccolta della spazzatura che fra giovedì e venerdì aveva subito in altra zona il furto di gasolio

Malumori nel comune capoluogo per la scelta di destinare l’area a parcheggio per i mezzi della ditta addetta alla raccolta della spazzatura che fra giovedì e venerdì aveva subito in altra zona il furto di gasolio

Informazione pubblicitaria

Malumori a Ricadi per i camion della ditta addetta alla raccolta dei rifiuti parcheggiati all’interno del campo sportivo. Cresce infatti il malcontento dei cittadini del capoluogo che non ci stanno ad essere considerati di “serie B” rispetto alle altre frazioni del territorio comunale. Nelle scorse settimane, infatti, una polemica con un botta e risposta era “scoppiata” sui social network intorno al parcheggio del campo sportivo “San Giovanni Bosco” di San Nicolò dove è stata apposta una catena per impedire che sul posto si creasse una discarica.

Il problema ora riguarda il centro di Ricadi con il campo sportivo dove di sport per i ragazzi se ne vede davvero poco, mentre fanno bella mostra di sé i camion utilizzati per la raccolta dei rifiuti. Il tutto, fra l’altro, nelle immediate vicinanze della guardia medica. In molti, non comprendendo tale scelta permessa dal Comune, si sono persino spinti ad azzardare che l’utilizzo del campo sportivo quale parcheggio per i camion dei rifiuti sia una sorta di “punizione” per il fatto che il centro di Ricadi sia stato decisivo per far prevalere a marzo il No al referendum indetto per aggiungere il nome di “Capo Vaticano” a quello di Ricadi, così come voluto anche dall’amministrazione comunale che si era schierata compatta per il Sì al cambio della denominazione.

IL COMMENTO | Il voto a Ricadi, fra “messaggi” politici e indegna “caciara”

Capo Vaticano: l’idea di una nuova frazione, fra slogan e coup de theatre

Per quanto ci riguarda, registriamo e riportiamo anche tale ipotesi non avendo elementi per sostenere una simile tesi che pure circola. In ogni caso, i cittadini di Ricadi non ci stanno ad essere considerati di “Serie B” e la scelta di utilizzare il campo sportivo quale parcheggio dei mezzi addetti a raccogliere i rifiuti non piace a nessuno.

AGGIORNAMENTO: A chiarire ogni aspetto della vicenda è stato nel primo pomeriggio l’amministratore della ditta Pietro Calabrese il quale, appresa la notizia, ha tenuto a precisare che la sistemazione dei camion all’interno del campo sportivo è solo momentanea ed è stata suggerita dai carabinieri dopo che nella notte fra giovedì e venerdì i mezzi (parcheggiati in altro luogo) sono stati presi di mira da ignoti malviventi con il furto del gasolio e delle batterie. Un’azione delinquenziale sulla quale i militari dell’Arma sono impegnati a fare piena luce e che chiarisce molto meglio i contorni di una vicenda che tanto “allarme” aveva suscitato fra i cittadini di Ricadi.