Una Ciclovia tra Fabrizia e Nardodipace, enti a confronto alla Provincia

Incontro istituzionale sui lavori che si svilupperanno lungo la strada provinciale n. 94. Coinvolti i Comuni e i Parchi naturali regionali di Serre e Aspromonte
Incontro istituzionale sui lavori che si svilupperanno lungo la strada provinciale n. 94. Coinvolti i Comuni e i Parchi naturali regionali di Serre e Aspromonte
Informazione pubblicitaria

«Un appuntamento di incontro e di confronto istituzionale tra la Provincia di Vibo Valentia, i Comuni di Fabrizia, Mongiana e Nardodipace, e i Parchi naturali regionali delle Serre e dell’Aspromonte, al fine di coordinare assieme e di definire, al meglio, gli interventi previsti, a vario titolo, per la costruzione di una ciclovia, che si sviluppa lungo la strada provinciale n. 94. In particolare nel tratto che partendo dai confini con il Parco naturale dell’Aspromonte, attraversa Fabrizia, passa per Mongiana e giunge fino a Nardodipace».

Questo l’intento cardine della riunione che si terrà, venerdì 12 giugno, nella sede della Provincia di Vibo Valentia. Ad annunciarlo il vicepresidente dell’Ente intermedio vibonese Domenico Anello, che d’intesa con il presidente, Salvatore Solano, ha promosso l’iniziativa. «L’incontro verterà sulla viabilità stradale lungo la SP 94 – ha evidenziato Anello -, in particolare ci si soffermerà sugli interventi collegati alla realizzazione di una Ciclovia (finanziata con i fondi del POR Calabria 2014/2020), il cui avvio dei lavori è imminente e comporterà anche il ripristino della percorribilità dell’importante arteria provinciale e il rinnovo della segnaletica». [Continua]

All’iniziativa, presieduta dal presidente Salvatore Solano, oltre ad Anello è prevista la presenza del sindaco di Fabrizia, Francesco Fazio, di Mongiana, Francesco Angilletta, di Nardodipace, Antonio De Masi, del direttore del Parco naturale delle Serre, Francesco Pititto, del Responsabile unico del procedimento che segue i lavori della Ciclovia per il Parco naturale dell’Aspromonte, Silvia Lottero e del consigliere provinciale, Matteo Umbro.