Protesta lavoratori rifiuti a Vibo, Bruni: «Rimostranze da fare alla ditta»

L’assessore comunale all’Ambiente sottolinea poi i gravi ritardi dell’impresa appaltatrice nella pulizia delle spiagge, nello spazzamento e nel decespugliamento delle vie cittadine
L’assessore comunale all’Ambiente sottolinea poi i gravi ritardi dell’impresa appaltatrice nella pulizia delle spiagge, nello spazzamento e nel decespugliamento delle vie cittadine
Informazione pubblicitaria
Il sindaco Maria Limardo e l'assessore Vincenzo Bruni
Maria Limardo e Vincenzo Bruni
Informazione pubblicitaria

Ci tiene a fare delle precisazioni, l’assessore comunale all’Ambiente Vincenzo Bruni a seguito di quanto accaduto questa mattina con un momento di tensione nei rapporti con il personale della ditta che espleta il servizio di raccolta rifiuti in città. “Il sottoscritto – dichiara Bruni – espleta il mandato assessorile nel difficile settore Ambiente del comune capoluogo improntandolo al continuo ascolto delle esigenze di tutti i cittadini vibonesi attraverso un confronto al quale non mi sono mai, responsabilmente, sottratto. Su questa linea di condotta si sono tenuti alcuni incontri con i lavoratori del servizio urbano di raccolta che, insieme al loro rappresentante sindacale, sono stati da me e dal sindaco ricevuti anche senza alcun preventivo appuntamento, con spirito di servizio e solidarietà, nei limiti della competenza dell’amministrazione comunale, verso i loro disagi. L’episodio di stamattina, però, ha messo in evidenza che tale predisposizione all’ascolto ed al confronto, evidentemente, è stato frainteso con la possibilità e capacità risolutoria  delle loro lamentele e dei loro disagi da parte del sottoscritto, travisando i limiti della competenza in materia dell’amministrazione comunale, sia essa parte politica che parte gestionale, che terminano nell’inserimento della clausola sociale legalmente prevista.

Informazione pubblicitaria
Vincenzo Bruni
Vincenzo Bruni

Nei loro confronti ma anche dei cittadini, è doveroso chiarire che sebbene gli operatori ecologici svolgano il loro servizio in favore della pulizia della città, gli stessi non sono a servizio dell’ente ma al servizio della ditta appaltatrice del servizio, l’unica e la sola a cui rivolgere le loro rimostranze – sottolinea Bruni – e l’unica e la sola che possa attuare, nella sua discrezionalità, eventuali misure risolutive. Quella stessa ditta cui è demandato il compito, in virtù del maggior monte ore previsto nel nuovo capitolato, di migliorare la qualità del servizio e nei cui confronti, però, l’amministrazione e questo assessorato che è a servizio dei cittadini, sta riscontrando sotto molti aspetti gravi ritardi – dalla pulizia e manutenzione e dotazione delle spiagge allo spazzamento ed al decespugliamento e diserbo delle vie cittadine – che vanno al di là delle problematiche di conferimento agli impianti e per le quali sono già stati adottati atti di indirizzo agli uffici per stimolare la stessa ad un più puntuale ed efficiente servizio, nel rispetto del capitolato speciale d’appalto”.

LEGGI ANCHE: Rifiuti, i lavoratori Ecocar occupano il Comune di Vibo: interviene la Polizia