Depurazione a Parghelia, l’associazione Mare pulito Bruno Giordano interessa la Regione – Video

Segnalate all’assessore all’Ambiente Sergio De Caprio le criticità che si registrano alla stazione di sollevamento di località Michelino. Sul tavolo un progetto del Comune per un importo di 500mila euro
Segnalate all’assessore all’Ambiente Sergio De Caprio le criticità che si registrano alla stazione di sollevamento di località Michelino. Sul tavolo un progetto del Comune per un importo di 500mila euro
Informazione pubblicitaria
Il sindaco Antonio Landro con Francesca Mirabelli
Informazione pubblicitaria

L’associazione “Mare pulito Bruno Giordano”, «ormai passata nel pieno della fase operativa della sua missione in difesa dell’ambiente ed in particolare del mare», nei giorni scorsi, a  seguito di numerose segnalazioni pervenute  dai cittadini, ha preso in carico «l’annoso problema ambientale che interessa le note località turistiche Michelino e la Pizzuta nel comune di Parghelia. Due tratti – si spiega in una nota – della meglio conosciuta “Costa degli Dei”, situate ad un tiro di schioppo da Tropea che ci espongono a un panorama suggestivo di una bellezza mozzafiato. Purtroppo, questo angolo di paradiso, allorquando sulla zona si abbattono dei temporali, viene oltraggiato dallo sversamento di un fiume di reflui fognari». [Continua]

Informazione pubblicitaria

Quindi si spiega che «una delegazione di rappresentanti dell’associazione nei giorni scorsi ha deciso di recarsi al Comune di Parghelia dove ad attenderla c’era il sindaco Antonio Landro con il quale è stato esaminato il problema, in un clima di assoluta collaborazione. Successivamente, il sindaco e la delegazione (composta tra gli altri da Francesca Mirabelli, vedova del procuratore) si sono portati sul posto per eseguire un sopralluogo, all’esito del quale è stato possibile accertare che la  stazione di sollevamento di Michelino in occasione delle piogge torrenziali che si abbattono sulla zona, purtroppo anche durante la stagione estiva, risulta assolutamente sottodimensionata, al punto di non riuscire a contenere il fiume di reflui fognari misti ad acque meteoriche, che gioco-forza finiscono per invadere l’intera area dell’impianto tracimando inevitabilmente sulla bellissima scalinata e quindi sulla bianca spiaggia e nelle acque cristalline sottostanti».

Si tratta, spiega il presidente dell’associazione Marina Betrò, di «un problema ambientale da non sottovalutare per l’inquinamento delle acque costiere, e non di meno, per il pericolo di dissesto idrogeologico dell’area, senza escludere il pericolo per la pubblica incolumità. Quest’ultimo aspetto merita di essere considerato particolarmente, poiché si tratta di un tratto di mare frequentato da centinaia di bagnanti. Non osiamo immaginare cosa potrebbe succedere se nel corso di un temporale le persone si dovessero trovare a risalire la lunghissima scalinata con un fiume di acqua e fogna che gli arriva dall’alto».   

Il sindaco Antonio Landro ha illustrato la soluzione attraverso un scheda tecnica messa a punto dell’amministrazione comunale e consistente nella possibile realizzazione di una rete fognaria (dorsale) da porre a monte della stazione di sollevamento, che dovrebbe essere in grado di ricevere i reflui fognari dell’intero agglomerato per poi essere convogliati  e spinti fino all’impianto di depurazione di località Le Grazie. Un progetto che in termini economici è stato valutato avere un costo di circa 500mila euro e «di cui l’amministrazione comunale, purtroppo, non è assolutamente in grado di farsi carico».

L’associazione Mare Pulito Bruno Giordano, ha deciso quindi «di alzare il livello di contatto istituzionale, chiedendo un incontro con l’assessore regionale all’Ambiente Sergio De Caprio, il quale con inaspettata sollecitudine ha ricevuto una delegazione dell’associazione alla Regione. Un incontro interessante e costruttivo che ha trovato la piena disponibilità per le valutazioni del caso».

L’assessore De Caprio, si spiega, «coadiuvato dai propri tecnici che hanno annotato ogni singolo particolare posto all’attenzione, ha ringraziato l’associazione per l’attività svolta in favore dell’ambiente e del territorio, dichiarandosi disponibile a valutare il progetto predisposto dall’amministrazione comunale di Parghelia». Ringraziamenti a De Caprio sono dunque giunti dall’associazione Mare Pulito Bruno Giordano, nella certezza che «insieme e nel più breve tempo possibile daremo una risposta al grido di aiuto lanciato da questo splendido mare  che ci dà tutto senza chiedere niente più che un po’ di rispetto».

Un ringraziamento anche al sindaco Antonio Landro per la «collaborazione, con arrivederci a presto, allorquando andremo a consegnare il progetto nelle mani dell’assessore De Caprio».