Vibo Marina, di nuovo allagato il parco giochi al Pennello

Giochi, scivoli, altalene, parte della pista ciclabile e del lungomare sono stati sommersi dall'acqua. Problemi anche con il fosso Antonucci
Giochi, scivoli, altalene, parte della pista ciclabile e del lungomare sono stati sommersi dall'acqua. Problemi anche con il fosso Antonucci
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Il fosso Antonucci

Sono passati poco più di tre mesi da quando il piccolo parco giochi era stato sommerso dalla sabbia portata da una mareggiata, dopo poco tempo trascorso dalla sua inaugurazione. Interessato da lavori di recupero, era stato in seguito reso nuovamente agibile, ma é bastata una nuova mareggiata, di media intensità, come quella registratasi nella giornata di ieri, per provocare il completo allagamento del parco giochi del quartiere Pennello. Giochi, scivoli, altalene, tutto finito sommerso dall’acqua, insieme a parte della pista ciclabile e del lungomare. Le onde hanno impedito il normale deflusso delle acque portate dal vicino torrente Antonucci con il risultato che il piccolo parco é risultato allagato da acqua marina e acqua piovana. Ha destato, inoltre, non poca apprensione fra i residenti del popoloso quartiere di Vibo Marina la situazione del fosso Antonucci, dove si é reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco che non hanno potuto fare altro che monitorare il livello dell’acqua che si era pericolosamente innalzato in seguito alle forti piogge che sono cadute nella giornata di ieri.

Il fosso Antonucci, che sbocca direttamente in mare dopo aver attraversato zone abitate, ha una profondità di tre metri, ringhiere alte 70 centimetri e, oltre a rimanere privo di periodici interventi di pulizia, é interessato dalla presenza di scarichi abusivi. Per ripristinare la fruibilità del parco giochi sarà quindi necessario ricorrere a nuovi interventi, per ricominciare daccapo dopo la prossima mareggiata che, come è prevedibile, sarà d’intensità maggiore di quest’ultima. Denaro pubblico– osservano i cittadini della zona – buttato a mare. Ma, come diceva M. Tachter, il denaro pubblico non esiste, esiste solo il denaro dei contribuenti.

Informazione pubblicitaria