Pizzoni: un fine settimana all’insegna della castagna

Due giorni di convegni e dibattiti con agronomi ed esperti per il Festival nel centro delle Preserre vibonesi

Due giorni di convegni e dibattiti con agronomi ed esperti per il Festival nel centro delle Preserre vibonesi

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si è svolto sabato 28 e domenica 29 ottobre a cura della Pro loco il XI Festival delle castagne a Pizzoni, nell’entroterra delle serre vibonesi.

Informazione pubblicitaria

In particolare, sabato 28 ottobre nella sala consiliare del Comune di Pizzoni alle ore 16:30 si è svolto un importante convegno sulla castagna. Erano presenti, oltre al sindaco del Comune di Pizzoni, gli agronomi Antonio Scalise e Franco Penna e il moderatore Domenico Pascali di Pizzoni il quale fa parte del gruppo di lavoro dell’A.r.s.a.c. (Agenzia Regionale per lo sviluppo dell’Agricoltura in Calabria) come rappresentante del gruppo per il rilancio della castanicoltura sul territorio, al quale è andato sentito ringraziamento da parte di tutta la Proloco pizzonese per aver appoggiato e diretto l’evento.

Si è discusso principalmente della castanicoltura calabrese e di come il territorio di Pizzoni è preposto a questo tipo di produzione. Negli anni scorsi anni per colpa di un parassita “la cinipide” si è avuto un grosso calo di produzione di castagne (e quelle poche che si vendevano nel territorio probabilmente erano state esportate da paesi stranieri tra cui la Turchia). Si è precisato che la cinipide non può essere completamente sconfitta con pesticidi ma soltanto con dei lanci a rete di batteri particolari (eseguiti dall’A.r.s.a.c calabrese) così da coprire tutto il territorio calabrese. Al centro della discussione anche l’importanza di una corretta potatura, soprattutto in caso di ferite della pianta.

Successivamente il dott. Antonio Penna è intervenuto sull’aspetto economico della castagna e sulla sua complessa lavorazione (ecco perché è un prodotto ad alto costo). Ugualmente però la castagna, ha precisato Penna, si esporta sia in Austria che altri paesi stranieri. Si è parlato inoltre dei benefici e soprattutto degli effetti proteici della castagna sul corpo umano dai vari punti di vista, da quello intestinale a quello relativo al colesterolo (cosiddetto buono).

Infine è intervenuto il presidente provinciale dell’Unpli Pino Maiuli il quale ha parlato dell’importanza delle Pro loco sul territorio calabrese. E’ stata fatta nell’occasione, sempre a cura della Pro loco una mostra pomologica con vari tipi di castagne.

Domenica 29 ottobre, infine, si è svolto nella villa comunale il Festival della castagna allietato dal raduno di pipiti e zampuagni con la degustazione di prodotti tipici a base di castagne, compreso il buonissimo gelato offerto dal bar Donato di Pizzoni. Durante il pomeriggio si sono svolti vari balletti eseguiti dal gruppo majorette di Vazzano e successivamente è stato premiato Pasquale De Masi per il contributo dato nella realizzazione delle zampogne e Giuseppe Sette come primo rappresentante pizzonese tra gli zampognari.

In conclusione hanno allietato la serata con canti e balli un gruppo di turisti provenienti da Taurianova e dintorni.