Incendio a San Gregorio, Arpacal sul campo per monitorare inquinamento

Tecnici del Dipartimento provinciale al lavoro nel deposito di rifiuti ingombranti al fine sondare la presenza di sostanze tossiche in aria
Tecnici del Dipartimento provinciale al lavoro nel deposito di rifiuti ingombranti al fine sondare la presenza di sostanze tossiche in aria
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Pronto intervento nel pomeriggio di ieri di una squadra di tecnici del Dipartimento provinciale Arpacal di Vibo Valentia nel comune di San Gregorio d’Ippona dove, in un deposito di stoccaggio rifiuti ingombranti, è scoppiato un incendio. La squadra Arpacal, guidata dal direttore del Dipartimento di Vibo, Clemente Migliorino, è intervenuta ieri fino a tarda sera, per una prima ed immediata verifica della natura dell’emergenza in atto. Sul posto, insieme alla Polizia municipale, ovviamente si sono recati anche i Vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo, sempre in prima linea per fronteggiare queste emergenze, che solo a tarda notte hanno concluso il loro intervento.

Ad allertare l’Arpacal il primo cittadino di San Gregorio d’Ippona, Pasquale Farfaglia. Da questa mattina presto, poi, sono iniziati i monitoraggi con la strumentazione mobile per valutare la presenza di inquinanti nell’aria. «Stiamo monitorando – ha dichiarato Migliorino – la presenza di sostanze tossiche in aria con l’ausilio di uno strumento denominato gas massa portatile; posizioniamo campionatori ad alto volume per la ricerca di microinquinanti. Vorrei ringraziare i miei tecnici, ingegneri Nicola Ocello, Franco Dario Giuliano e Pietro Capone, che, nonostante il giorno festivo, hanno subito risposto presente alla richiesta di aiuto della comunità di San Gregorio d’Ippona». Dell’andamento delle operazioni sono costantemente informati sia il direttore generale dell’Arpacal, Domenico Pappaterra, e sia l’assessore regionale all’Ambiente, Sergio De Caprio. Nei prossimi giorni i risultati delle analisi.

Informazione pubblicitaria