Mileto, 239mila euro per le Isole ecologiche di prossimità

Grazie alla seconda tranche del finanziamento sarà possibile portare a termine il progetto. Soddisfatto il sindaco Giordano: «Entro qualche giorno saranno in funzione»
Grazie alla seconda tranche del finanziamento sarà possibile portare a termine il progetto. Soddisfatto il sindaco Giordano: «Entro qualche giorno saranno in funzione»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

A Mileto è ormai prossima la messa in funzione delle Isole di prossimità. Ad annunciarlo lo stesso sindaco Salvatore Fortunato Giordano, il quale compiaciuto «per essere stati lungimiranti» spiega che nelle scorse ore il Ministero dell’ambiente, «dopo un lungo lavoro di interlocuzione», ha finalmente sbloccato la pratica e accreditato al Comune un’altra tranche di 239mila euro dei fondi previsti. «L’ennesima scommessa vinta» per l’Amministrazione comunale. Il che vuol dire «avere la liquidità per pagare nel futuro gli impegni presi, senza far leva su fondi di bilancio», e aver risolto «quasi definitivamente una pratica che al nostro insediamento era nelle secche e destinata all’archiviazione senza seguito».

Informazione pubblicitaria

Il sindaco Giordano, tuttavia, si prefigge di chiarire i particolari della vicenda in occasione del prossimo Consiglio comunale. Ad oggi, però, ci tiene «in sintesi» a dire di aver sventato, «risparmiando 60mila euro», un pignoramento da parte della ditta fornitrice, «visto che appena insediati ci siamo ritrovati sulla scrivania un decreto ingiuntivo esecutivo e lo abbiamo transatto assumendoci responsabilità», di aver pagato nel dicembre scorso «con fondi di bilancio la prima rata di 100mila euro», di aver ottenuto l’obbligo della messa in funzione dalla ditta «con altri due anni di garanzia e per soddisfare le pretese debitorie», di aver pagato con il Decreto Rilancio.

E, ancora, di aver ottenuto il finanziamento dal Ministero «quando ormai nessuno ci credeva più», liberando risorse che servono a pagare «un’altra transazione importante di 425mila euro con il fallimento della ditta Restuccia», anche lì «risparmiando circa 600mila euro e, soprattutto, evitando il dissesto». La pratica è stata condotta in prima persona dal sindaco, così come lo stesso ci tiene a ribadire. Nello specifico, «mettendo a disposizione le mie conoscenze professionali, gratuitamente, nel solo interesse di salvaguardare i conti del mio Comune ed evitare il dissesto».

Un ringraziamento, tuttavia, Giordano lo rivolge al parlamentare del Movimento 5 Stelle Riccardo Tucci «per essersi interessato della vicenda. Entro qualche giorno – conclude – verrà la ditta per la definitiva messa in funzione e partiremo con la consegna delle schede ai cittadini, utilizzando finalmente le isole di prossimità». Al momento dell’insediamento dell’attuale Amministrazione, avvenuto oltre un anno fa, il decreto ingiuntivo di pagamento fatto recapitare al Comune per le Isole di prossimità, fra l’altro realizzate con finanziamento ministeriale previsto solo alla messa in funzione, ammontava a 450mila euro. Poi le verifiche dal quale è emerso che mancavano il verbale di funzionalità e di consegna dei lavori e la successiva trattativa con la ditta per arrivare ad un accordo condiviso. Oggi il nuovo dato: l’erogazione del finanziamento da parte del ministero e l’annuncio da parte del sindaco dell’ormai imminente messa in funzione dei punti di raccolta della spazzatura dislocati sul territorio.