Opere abusive a Baia di Riaci, il Comune di Ricadi ne ordina la demolizione

Secondo l’ufficio tecnico mancano i necessari titoli legittimanti. Manufatto e pozzetto realizzati su suolo demaniale
Secondo l’ufficio tecnico mancano i necessari titoli legittimanti. Manufatto e pozzetto realizzati su suolo demaniale
Informazione pubblicitaria
Il Comune di Ricadi

Dovranno essere demolite entro 90 giorni una serie di opere ritenute abusive realizzate su suolo demaniale in località Baia di Riaci. E’ quanto disposto dall’ufficio tecnico del Comune di Ricadi che ha ordinato all’amministratore giudiziario della società “Genco Carmela e figli srl” con sede a Vibo Valentia di provvedere alla demolizione di alcune opere ritenute abusive – manufatto con struttura in ferro e pareti in legno, copertura in pannelli di lamiera coibentati, più un pozzetto per una vasca interrata per il convogliamento di scarichi, senza aver acquisito i necessari titoli – ed a ripristinare lo stato dei luoghi. Decorsi infruttuosamente 90 giorni, il bene e l’area di sedime verranno acquisiti di diritto al patrimonio del Comune di Ricadi.

LEGGI ANCHE: Parcheggio a Baia di Riaci: illegittima l’occupazione da parte del Comune di Ricadi

Ricadi, sequestrato un manufatto abusivo a Baia di Riaci

“Uniti per Ricadi” chiede che il disavanzo da 12 milioni venga portato in Consiglio