Maxi rissa tra giostrai davanti ai carabinieri, cinque arresti a Pasqua a Serra San Bruno (VIDEO)

Noncuranti della presenza dei militari due famiglie si sono contese uno spazio a Santa Maria del Bosco affrontandosi con tanto di spranghe. Colpiti due carabinieri. Denunciato un minore 

Noncuranti della presenza dei militari due famiglie si sono contese uno spazio a Santa Maria del Bosco affrontandosi con tanto di spranghe. Colpiti due carabinieri. Denunciato un minore 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

I carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno, hanno ricevuto, nella giornata di Pasqua, una segnalazione in merito ad un animato diverbio tra due famiglie di giostrai. I militari del Norm, raggiunta velocemente località Santa Maria del Bosco, hanno così sorpreso alcune persone intente a discutere animatamente tra di loro. I carabinieri si accertavano del motivo del diverbio: in sostanza le due “fazioni” stavano discutendo in merito al posizionamento di alcune “giostre itineranti”, di loro proprietà, in un appezzamento di terreno. In particolare, alcuni sostenevano che in quel territorio non potevano sostare le giostre itineranti dell’altra famiglia. Nonostante i continui inviti a mantenere la calma, i toni si alzavano sempre più, tanto da far convincere il capo equipaggio della pattuglia intervenuta a richiedere l’ausilio di altri militari.

Informazione pubblicitaria

Le due fazioni, infatti, da lì a poco, iniziavano a colpirsi con calci e pugni, noncuranti della presenza dei carabinieri che cercavano di dividerli e dei vari inviti a loro rivolti a procedere per vie legali; nella rissa sarebbe stata coinvolta anche una donna e alcuni testimoni che, nell’intento di dividere i litiganti, venivano più volte colpiti in più parti del corpo. La situazione peggiorava quando alcuni dei partecipanti alla rissa, mediante l’utilizzo di aste di ferro della lunghezza di quasi 3 metri, raccolte sul posto, iniziavano a percuotere gli avversari utilizzando, di fatto, queste spranghe come delle vere armi improprie. Nella circostanza venivano colpiti anche i due Carabinieri; in particolare uno veniva percosso violentemente con l’oggetto contundente e riportava anche varie contusioni al viso, fortunatamente non gravi

Le ostilità sono cessate al momento dell’arrivo dei rinforzi dell’Arma che hanno definitivamente sedato gli animi. Il bilancio della giornata pasquale ha fatto quindi registrare un totale di 5 arresti per rissa. Si tratta di Angelo Capomolla, 48 anni; Domenico Capomolla, 25 anni; Francesco Capomolla, 21 anni; Cristian Valenti, 21 anni; Marcello Valenti, 51 anni; tutti residenti a Serra San Bruno. Alla rissa, inoltre, ha partecipato attivamente anche un minore che, invece, è stato deferito all’autorità giudiziaria competente. Per tutti gli altri, sono stati disposti gli arresti domiciliari in attesa dell’udienza che si celebrerà con rito direttissimo. AGGIORNAMENTO: Nella giornata di martedì il giudice del Tribunale di Vibo Valentia ha convalidato gli arresti e disposto l’obbligo di firma per i cinque presunti protagonisti della rissa.