domenica,Settembre 26 2021

Vibo, il neo prefetto Lulli si presenta: «Ascolto tutti ma decido io»

L’esordio del rappresentante territoriale del governo in conferenza stampa: «La mia stella polare sarà la Costituzione»

Vibo, il neo prefetto Lulli si presenta: «Ascolto tutti ma decido io»
Roberta Lulli ,prefetto di Vibo Valentia

«Ascolto tutti ma alla fine decido io». Si presenta così il neo prefetto di Vibo Valentia Roberta Lulli nel suo primo giorno di lavoro che ha dedicato alla conoscenza del territorio e dei suoi rappresentanti istituzionali. 56 anni, di Roma, già funzionario del ministero dell’Interno con le funzioni di Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile e al suo primo incarico da prefetto: «Sono pronta ad ascoltare tutti perché tutti possono dare una tessera del mosaico al quadro generale».
Appare risoluta e concreta e forte dei suoi collaboratori che ha già avuto modo di conoscere. «Poche parole e molti fatti. Con grande umiltà – dice – tenteremo di snocciolare i problemi della città partendo senza grandi ambizioni. A piccoli passi arriveremo a grandi obiettivi».

È già stata in Calabria, a Borgia, in qualità di Presidente della Commissione straordinaria del Comune sciolto per infiltrazioni mafiose. Un’esperienza che le ha fatto conoscere «le infinite bellezze di questa terra ma anche il decadimento di certi luoghi che potrebbe scoraggiare il turista a trascorrere le vacanze in Calabria». In tema di scioglimenti delle amministrazioni dice: «è sempre una scelta dolorosa, ma quando si arriva a commissariare un comune vuol dire che non ci sono più le condizioni per andare avanti».

Combatterà il malaffare in una delle province a più alta densità mafiosa. «Abbiamo una stella polare che è la Costituzione, e poi collaboratori fondamentali che sono le forze dell’ordine e la Procura, con le quali ci interfacceremo ogni giorno». Si rivolge ai cittadini ai quali dice: «Bisogna credere in se stessi, nella Costituzione e nel fare bene. Bisogna perseguire il bene del proprio territorio». Consapevole delle tante vertenze, delle tante opere incomplete e dei tanti cantieri aperti, come la costruzione del nuovo ospedale e i lavori sulla statale 18, Il neo prefetto Lulli si è impegnata ad intraprendere ogni azione volta alla soluzione dei tanti problemi che insistono nel vibonese.

Articoli correlati

top