Assemblea dei Testimoni di Geova, oltre 1500 persone a Francavilla Angitola

Nella Sala assemblee del Vibonese si sono dati appuntamento sul tema “Non smettiamo di fare ciò che è eccellente”

Nella Sala assemblee del Vibonese si sono dati appuntamento sul tema “Non smettiamo di fare ciò che è eccellente”

Informazione pubblicitaria
L'assemblea dei Testimoni di Geova a Francavilla Angitola
Informazione pubblicitaria

Si è concluso nei giorni scorsi uno degli eventi annuali più importanti a cui i Testimoni di Geova del Vibonese, unitamente a diverse persone che studiano la Bibbia, hanno partecipato nella Sala assemblee dei Testimoni di Geova di Francavilla Angitola. Fra sabato e domenica scorsi complessivamente circa 1.500 delegati provenienti dalle province di Vibo Valentia e Reggio Calabria si sono dati appuntamento per seguire il programma dal Tema: “Non smettiamo di fare ciò che è eccellente”. «La società permissiva dei nostri giorni – si legge in un resoconto – spesso promuove un atteggiamento privo di limiti di ogni genere e di valori morali, con la conseguenza che molti, senza accorgersene, sono assuefatti da comportamenti malvagi che forse arrivano col tempo anche a condonare. L’intero programma di questa assemblea ha messo in luce come Dio, che ci ha creati, ha il diritto di stabilire ciò che è bene e ciò che è male e lo fa nel migliore interesse delle sue creature umane». 

Informazione pubblicitaria

Quindi, i presenti sono stati esortati a «leggere la Bibbia per conoscere il pensiero di Dio e continuare a fare ciò che è eccellente. I diversi discorsi hanno spiegato come, nonostante la nostra natura imperfetta, possiamo riuscire a praticare il bene compiendo azioni concrete nella famiglia e nella società in cui viviamo. È stato ampiamente evidenziato come applicare la Parola di Dio contribuisca a renderci persone migliori in grado di formare una società i cui valori siano superiori». Fra i punti salienti del programma vi è stato il discorso per coloro che si battezzeranno, in tale occasioni due persone hanno simboleggiato pubblicamente la loro dedicazione a Dio con il battesimo in acqua.