Pizzo, festa della liberazione… dal traffico: 25 aprile con tanti turisti e nessun ingorgo

La città napitina è stata invasa dai visitatori ma questa volta il dispositivo messo a punto dal Comune di concerto con Anas e Amministrazione di Vibo ha funzionato e non ci sono stati disagi

La città napitina è stata invasa dai visitatori ma questa volta il dispositivo messo a punto dal Comune di concerto con Anas e Amministrazione di Vibo ha funzionato e non ci sono stati disagi

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

 

Informazione pubblicitaria

La festa del 25 aprile è stata una giornata intensa per la città napitina, letteralmente presa d’assalto da schiere di turisti che hanno animato il centro storico, le spiagge e i siti museali. 

«Basti pensare  – si legge in una nota – che, solo nella giornata del 25 aprile, Castello Murat e Chiesetta di Piedigrotta hanno staccato oltre mille biglietti. A pieno regime hanno lavorato anche gli operatori turistici e i ristoratori, con i locali di Piazza della Repubblica, della Marina e della Marinella che hanno fatto la parte del leone accogliendo migliaia di avventori».

Bene anche sul fronte della circolazione, che non ha fatto registrare disagi, grazie a un dispositivo traffico che ha funzionato e all’impegno del vicesindaco Maria Francesca Pascale e del consigliere delegato Antonio Gaglioti che nei giorni scorsi hanno definito e reso possibile l’attuazione del nuovo piano.

A sottolineare il bilancio estremamente sodisfacente del primo appuntamento con la stagione turistica vera e propria è lo stesso sindaco Gianluca Callipo, che ha ringraziato quanti si sono prodigati perché tutto andasse nel migliore dei modi.

«Tantissime persone hanno scelto Pizzo per godersi la giornata di festa nazionale – ha rimarcato il primo cittadino -. Traendo insegnamento dai disagi che si erano registrati a Pasquetta, ci siamo adoperati al massimo affinché l’intenso traffico risultasse comunque scorrevole. In particolare, ha funzionato la strategia, definita nei giorni scorsi con Anas e Provincia, di dirottare il traffico diretto verso Tropea lungo la via Nazionale. Inoltre, grazie all’ausilio dei vigili urbani di Vibo, le auto di rientro dalla Costa degli Dei sono state indirizzate verso l’ingresso autostradale di Sant’Onofrio anziché verso quello di Pizzo».

Un’organizzazione, dunque, che si è rivelata vincente e che sarà messa nuovamente alla prova in occasione del Primo maggio, festa dedicata per tradizione alle gite fuori porta, che vede da sempre Pizzo tra le mete più gettonate.

Infine, un ringraziamento particolare Callipo l’ha voluto rivolgere, oltre che agli operatori dell’Anas, anche ai vigili comunali, al loro comandante, alla Protezione civile coordinata da Franco Di Leo.