Vermi intestinali nei bambini, allarme anche a Tropea

Il fenomeno che ha colpito prima la zona di Santa Domenica di Ricadi dove sono state chiuse le scuole sta interessando anche la Perla del Tirreno. Numerosi i casi riscontrati

Il fenomeno che ha colpito prima la zona di Santa Domenica di Ricadi dove sono state chiuse le scuole sta interessando anche la Perla del Tirreno. Numerosi i casi riscontrati

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Continua l’emergenza ossiuri (vermi intestinali) sulla costa vibonese.  Dopo l’ordinanza di chiusura emessa dal sindaco di Ricadi, Giulia Russo, nei confronti delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria della frazione di Santa Domenica, il fenomeno sta interessando anche la vicina Tropea. 

Informazione pubblicitaria

Nella cittadina tirrenica sono numerosi i casi riscontrati, in particolare in un singolo plesso, pur non essendo ancora arrivata alcuna segnalazione ufficiale agli organi competenti.  La dirigente dell’Istituto Comprensivo, Tiziana Furlano, ha infatti invitato i genitori a «contattare i pediatri per una attestazione del fenomeno, in maniera tale da intervenire».  La Furlano ha inoltre puntualizzato che «la chiusura non è obbligatoria per legge e non risolve definitivamente il problema, perché, se non si seguisse la profilassi, il fenomeno potrebbe ripresentarsi a distanza di pochi giorni». Nel caso prospettato dalla dirigente, infatti, gli ossiuri continuerebbero a proliferare, provocando una nuova epidemia, con tutte le conseguenze del caso.  «In ogni caso – ha concluso la dirigente – sono in contatto con i responsabili dell’Azienda Sanitaria per stabilire al più presto il da farsi e nelle prossime ore comunicheremo come procedere».

LEGGI ANCHE: Vermi intestinali a scuola, chiusi gli istituti di Santa Domenica di Ricadi