Studenti del Capialbi intossicati, i Nas chiudono la cucina della pizzeria Giovanna a Vibo

I carabinieri della Stazione di Vibo, quelli del nucleo antisofisticazioni di Catanzaro e personale dell'Asp hanno riscontrato gravi carenze igienico-strutturali disponendo pure la chiusura del deposito alimentare

I carabinieri della Stazione di Vibo, quelli del nucleo antisofisticazioni di Catanzaro e personale dell'Asp hanno riscontrato gravi carenze igienico-strutturali disponendo pure la chiusura del deposito alimentare

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Provvedimento dei carabinieri della Stazione di Vibo Valentia, del Nas di Catanzaro e dell’Asp a seguito dell’intossicazione alimentare di alcuni studenti del Liceo “Capialbi” di Vibo. L’esercizio commerciale che aveva fornito i pasti il 24 aprile scorso – la pizzeria “Giovanna” – è stato infatti sospeso nelle attività di ristorazione (per quanto attiene ai cibi preparati nel locale) con la chiusura della cucina e del deposito alimentare ubicato a Vibo Valentia. E’ stata la denuncia/querela presentata ai carabinieri dai genitori degli alunni, a seguito dell’intossicazione dei propri figli, a far scattare i controlli e le ispezioni che hanno portato al provvedimento nei confronti del noto locale ubicato nel centro di Vibo Valentia. La pizzeria resta aperta esclusivamente per la somministrazione di alimenti e bevande preconfezionati. 

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: 

Gastroenterite dopo pasto a scuola, sei studenti del “Capialbi” di Vibo in ospedale