Giornata diocesana dei ministranti conclusa a Monte Poro

Nel santuario della Madonna del Carmine lo slogan scelto quest’anno è stato “Dammi un cuore che ascolta”

Nel santuario della Madonna del Carmine lo slogan scelto quest’anno è stato “Dammi un cuore che ascolta”

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Conclusa al santuario della Madonna del Carmine di Monte Poro la giornata diocesana dei ministranti. Un evento che si rinnova ormai da oltre 50 anni, diretto a tutti quei bambini e ragazzi che nelle parrocchie attive nella diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea esercitano il loro ministero liturgico di servizio all’altare. In ogni edizione, l’ufficio diocesano per la pastorale delle vocazioni, attualmente diretto da don Francesco Sicari, propone un tema di riflessione sul quale i gruppi parrocchiali preparano anche un cartellone. Lo slogan scelto quest’anno è stato “Dammi un cuore che ascolta”, attinto da una espressione presente nella Bibbia nel primo libro dei re. Un brano in cui re Salomone risponde a Dio non chiedendo cose materiali, ma bensì un cuore capace di vivere nell’ascolto di Dio e di fare dunque la sua volontà nel discernere il bene dal male, un cuore capace di piegarsi alla vita, ai volti, alle fragilità e situazioni di ogni giorno. Lo slogan ha richiamato anche al cammino che la chiesa italiana sta facendo in vista del sinodo dei giovani, incentrato sulla dinamica del discernimento per scoprire il progetto di Dio sulla vita di ciascuno. Il programma della Giornata di ieri presso il santuario mariano di Monte Poro ha previsto diversi momenti di animazione e di gioco con tanto di caccia al tesoro. Nel corso della mattinata si è proceduto anche alla premiazione dei vincitori del concorso vocazionale indirizzato agli alunni delle scuole della provincia di Vibo Valentia, indetto dal seminario diocesano in collaborazione con gli uffici di pastorale giovanile e vocazionale. Per quanto riguarda il miglior cartellone e la migliore riflessione su tema “Dammi un cuore che ascolta” proposto, a vincere l’ambita “Campana del ministrante” sono stati i ragazzi della parrocchia “Santa Maria degli Angeli” di Paravati guidata da don Domenico Muscari. Momento clou della giornata è stata la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Luigi Renzo. Una santa messa in cui il presule ha, tra l’altro, espresso parole di gratitudine e affetto verso i ragazzi che svolgono questo importante compito al servizio della Chiesa.  

Informazione pubblicitaria