Sicurezza stradale, giro di vite dei carabinieri lungo la costa vibonese (VIDEO)

Intensificati i controlli in vista dell’aumento del traffico lungo le principali arterie turistiche della provincia. I risultati del primo semestre dell'anno illustrati in conferenza stampa: diminuiscono le sanzioni ma raddoppia il numero di patenti ritirate

Intensificati i controlli in vista dell’aumento del traffico lungo le principali arterie turistiche della provincia. I risultati del primo semestre dell'anno illustrati in conferenza stampa: diminuiscono le sanzioni ma raddoppia il numero di patenti ritirate

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Estate, grande afflusso di turisti e avventori specie nelle località turistiche del Vibonese. Capitale del turismo calabrese Tropea e il suo hinterland, dove l’Arma dei carabinieri ha iniziato un vero e proprio giro di vite per la sicurezza, soprattutto stradale. Attività che si inquadra nell’ambito del consueto dispositivo che mira a garantire siocurezza agli automobilisti 365 gionri all’anno. I risultati conseguiti nel primo semestre del 2018 sono stati illustrati stamani nel corso di una conferenza stampa tenutasi al Comando provinciale di Vibo Valentia, alla presenza del comandante della Compagnia di Tropea Dario Solito, dal comandante del Norm di Vibo Luca Domizi e dal maresciallo Francesco Panei. «L’obiettivo – è stato spiegato nel corso dell’incontro con i giornalisti – è quello di garantire una maggiore sicurezza sulle strade, per evitare la perdita di vite umane». In particolare sono stati comparati i numeri relativi al primo semestre del 2017 con quelli dello stesso periodo del 2018. Dal confronto emerge una diminuzione delle sanzioni elevate: 125.473,00 euro rispetto ai 171.175,33 euro dello scorso anno. Raddoppiato invece il numero delle patenti ritirate (15 nel 2017, 31 nel 2018). L’assenza di copertura assicurativa e la guida in stato di ebbrezza sono i due fenomeni maggiormente riscontrati in provincia di Vibo Valentia. Aumentati gli incidenti stradali, diminuiti invece quelli mortali. Ed è proprio su questo aspetto che si è soffermato il comandate del Norm. «Lavoriamo per prevenire la perdita di vite umane – ha detto Luca Domizi -. Diverse infatti le pattuglie dislocate nei pressi delle discoteche e dei luoghi maggiormente frequenti dai giovani. I controlli – ha concluso – saranno potenziati in vista del boom di presenze turistiche che si registrerà da qui ad agosto».

Informazione pubblicitaria