Carattere

L’iniziativa è frutto del protocollo d’intesa sottoscritto da Comune, “Cooperazione Sud per l’Europa” di Mileto e “ProCiv Augustus” di Vibo Valentia in collaborazione con l’Anas

MIgranti ripuliscono un'area del Comune di Ionadi
Cronaca

È entrato nella sua piena fase operativa il progetto “Luoghi Comuni”, frutto del protocollo d’intesa sottoscritto di recente da Comune di Ionadi, “Cooperazione Sud per l’Europa” di Mileto e “ProCiv Augustus” di Vibo Valentia. L’accordo, nato dalla piena consapevolezza che accoglienza ed integrazione rappresentano elementi di garanzia per una convivenza pacifica, si prefigge il compito di raccogliere e analizzare le iniziative e le esperienze promosse sul territorio. Il tutto, al fine di divulgare un patrimonio di esperienze, con diversi livelli di formazione, e di attivare percorsi di condivisione e partecipazione con la comunità. “Luoghi Comuni” rappresenta solo la prima parte di un percorso di collaborazione instaurato con Anas con i duplice obiettivo di riqualificare gli spazi aperti del territorio ed abbattere i pregiudizi nei confronti dei ragazzi migranti. Principali destinatari di tale iniziativa, infatti, oltre alla cittadinanza di Ionadi sono proprio quest’ultimi, in particolare gli ospiti della locale Comunità alloggio per minori “Il sole che splende” afferente alla Cooperazione Sud per l’Europa e coordinata da Antonio Gallina. I giovani extracomunitari accolti all’interno dello Sprar si stanno in questi giorni occupando, nello specifico, di riqualificare mediante attività di giardinaggio e falegnameria il Parco urbano di via Einaudi e due aree verdi site fra questa e le vie Ghandi e De Nicola. A breve, previste anche le partecipazioni al Campo estivo realizzato da CSpE sui temi della legalità, del senso civico, della prevenzione e del primo soccorso sanitario, dell’educazione ambientale e delle attività formative in ambito sportivo e di sicurezza stradale, e al Campo scuola “Anch’io sono la Protezione Civile” proposto dall’OdV ProCiv Augustus con il supporto del Dipartimento nazionale. La conclusione del progetto è prevista per i primi di settembre.

Seguici su Facebook