Pizzo: interdittiva antimafia alla ditta Genco, consiglieri interrogano il sindaco

La società sta realizzando in località Savelli un residence che dovrebbe offrire trenta posti di lavoro. Il progetto partito nel 2015

La società sta realizzando in località Savelli un residence che dovrebbe offrire trenta posti di lavoro. Il progetto partito nel 2015

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

“In merito all’interdittiva antimafia, il Comune di Ricadi ha provveduto a formalizzare due ordinanze di revoca di atti amministrativi intestati all’azienda Genco Carmela e figli srl. Considerato che la stessa risulta essere titolare di permesso a costruire, rilasciato in deroga agli strumenti urbanistici per la realizzazione di una struttura turistico-ricettiva nel territorio comunale di Pizzo, in cui i lavori sono in fase di realizzazione, vogliamo sapere se l’informazione interdittiva prefettizia è pervenuta anche al Comune di Pizzo e in quale data. In caso affermativo quali provvedimenti di sospensione o revoca dell’atto amministrativo di che trattasi sono stati assunto”. E’ quanto chiedono con un’interrogazione al sindaco di Pizzo, Gianluca Callipo, i consiglieri comunali di minoranza del gruppo “Unico interesse Pizzo”, Antonio Borrello, Renato Grillo e Giusy Federico dopo l’interdittiva antimafia – resa nota dall’albo pretorio del Comune di Ricadi – della Prefettura di Vibo Valentia alla società “Genco Carmela e figli srl” che sta realizzando un residence anche a Pizzo in località Savelli. Il Comune di Ricadi, sulla scorta della nota interdittiva della Prefettura ha revocato alla società (attiva da anni nel settore delle autolinee e da ultimo nel turistico-alberghiero) una concessione demaniale marittima e la certificazione di inizio attività di apertura di un villaggio turistico a quattro stelle ubicato a Santa Domenica di Ricadi nella Baia di Riaci. Le determine del Comune di Ricadi sono state quindi sospese dal Tar che ha fissato all’1 agosto la trattazione nel merito del ricorso presentato dalla società contro l’interdittiva antimafia. Intanto sulla vicenda si registra l’interrogazione di tre consiglieri comunali di Pizzo al primo cittadino Gianluca Callipo.   LEGGI ANCHE: La Prefettura di Vibo Valentia dispone un’interdittiva antimafia per la ditta “Genco Carmela e Figli srl”

Informazione pubblicitaria