Narcotraffico con gli Usa: annullata condanna per 50enne di San Calogero

E’ coinvolto nell’operazione denominata “Columbus”. Atti trasmessi da Reggio Calabria alla Procura di Vibo Valentia

E’ coinvolto nell’operazione denominata “Columbus”. Atti trasmessi da Reggio Calabria alla Procura di Vibo Valentia

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

La Corte d’Appello di Reggio Calabria ha annullato la condanna a 5 anni di reclusione inflitta in primo grado a Nicola Preiti, 50 anni, di San Calogero, arrestato il 7 maggio 2015 poiché coinvolto nell’operazione denominata “Columbus” contro il narcotraffico internazionale. Al contempo, la stessa Corte d’Appello presieduta dal giudice, Kate Tassone, ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura di Vibo Valentia dichiarando l’incompetenza per territorio del gup del Tribunale di Reggio Calabria. Nicola Preiti è difeso dagli avvocati Giuseppe Di Renzo e Francesco Sabatino. L’operazione “Columbus” è scaturita da indagini dello Sco (il Servizio Centrale Operativo della polizia) in collaborazione con l’Fbi (il Federal Bureau of Investigation) statunitense. Centrale operativa del narcotraffico, la città di New York con collegamenti in Colombia, Costarica, Olanda, Spagna e Italia. I provvedimenti sono stati emessi dalla Dda di Reggio Calabria e dalla magistratura americana ed eseguiti dal Servizio centrale operativo (Sco) e dalla Squadra mobile di Reggio Calabria, dall’Fbi e dall’Homeland security.

Informazione pubblicitaria