Operazione “Comune accordo”, scarcerato ingegnere vibonese

Residente a Ricadi, la misura è stata sostituita dal Riesame con la sospensione dalla partecipazione alle gare pubbliche. E’ accusato di corruzione, falso, frode nelle pubbliche forniture e abuso d’ufficio

Residente a Ricadi, la misura è stata sostituita dal Riesame con la sospensione dalla partecipazione alle gare pubbliche. E’ accusato di corruzione, falso, frode nelle pubbliche forniture e abuso d’ufficio

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro, presieduto dal giudice Michele Cappai, ha revocato gli arresti domiciliari nei confronti dell’ingegnere Domenico Muzzupappa, 51 anni, di Ricadi, fra i 55 indagati dell’operazione condotta dalla Procura di Castrovillari denominata “Comune accordo”. Accolto così il ricorso presentato dagli avvocati Antonio Porcelli e Giuseppe Mammone. I giudici del Riesame hanno sostituito la misura cautelare degli arresti domiciliari con quella della sospensione dall’incarico di direttore tecnico o di ogni altro servizio nelle gare pubbliche e delle attività inerenti. Nei suoi confronti gli inquirenti ipotizzano i reati di abuso d’ufficio, falso ideologico, frode nelle pubbliche forniture e corruzione. In relazione a tale ultima accusa, a Muzzupappa la Procura di Castrovillari contesta in particolare di aver posto in essere un atto contrario ai suoi doveri omettendo “sistematicamente l’attività di controllo” re ealizzando una variante tecnica in favore di un’impresa subappaltatrice, la Cogeca, nell’ambito della stessa procedura in cui rivestiva la qualità di direttore dei lavori e quindi in conflitto di interessi. Domenico Muzzupappa è poi accusato di “aver fornito all’amministratore dell’impresa subappaltatrice precisi ragguagli al fine di sfruttare completamente le consistenti risorse derivanti da economie di gara, attestando falsamente la sospensione dei lavori – con verbale del 27 maggio 2016, modificato al 3 maggio 2016 -, di fatto consentendo all’impresa la prosecuzione degli stessi in attesa del deposito della variante strutturale al genio civile. In cambio, per sé, Muzzupappa è accusato di aver ricevuto utilità da parte di quattro ditte consistenti in numerosi incarichi professionali. 

Informazione pubblicitaria